Logo image
«Gli acquisti sostenibili non devono necessariamente essere costosi»

In tema di pari opportunità, Lidl Svizzera è all’avanguardia. Foto: PD

Produzione e consumo Contenuto partner: Lidl Svizzera

«Gli acquisti sostenibili non devono necessariamente essere costosi»

Lidl Svizzera ha aperto il suo primo negozio nel nostro Paese nel 2009. Nel frattempo si è affermato come discounter. La ricetta del successo: prodotti freschi e locali e una visione lungimirante.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

«Gli acquisti sostenibili non devono necessariamente essere costosi»

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

6 Min.  •   • 

Di recente ho fatto rapidamente un po’ di acquisti prima di un ponte. Ho preparato la borsa, ci ho messo dentro 20 franchi e mi sono precipitata da un Lidl che si trova vicino a me. Ovviamen-te ho esagerato. Prodotti biologici, verdura e frutta dalla Svizzera, surrogati proteici della carne. Soddisfatta, nel frattempo ho mangiato un börek alla ricotta. Alla cassa mi sono scusata perché probabilmente i soldi non sarebbero stati sufficienti per acquistare tutta quella roba. Mentre finiva di digitare gli importi il venditore mi ha sorriso: il totale era 13,75 franchi.

Semplicità ed efficienza sono i principi fondamentali

La qualità ha il suo prezzo. Come è possibile offrire prodotti di alta qualità a prezzi così bassi? Corina Milz, responsabile CSR e & Sustainability di Lidl Svizzera, spiega: «La nostra visione è: acquisti sostenibili per tutti. Gli acquisti sostenibili non devono per forza essere costosi o addirittura di nicchia. Al contrario». Il fatto che i prodotti possano essere proposti a prezzi vantaggiosi è ­dovuto principalmente alla struttura aziendale e alla filosofia ­interna. La semplicità e l’efficienza sono fondamentali, come si può vedere dall’assortimento snello, che si concentra su 2000 prodotti di uso quotidiano, 80 dei quali vegani o vegetariani. Anche per i prodotti del marchio vegetariano Vemondo, tutte le emissioni di CO2 vengono compensate.

Un piacevole effetto secondario di un’offerta gestibile: gli sprechi di cibo vengo ridotti. «Inoltre, spesso adottiamo lo stesso design nelle filiali per risparmiare tempo e denaro in caso di ristrutturazioni. E grazie alla nostra rete internazionale abbiamo l’opportunità di acquistare grandi quantità a prezzi ridotti» spiega Milz.

Ovviamente, risparmiare oculata­mente e attribuire grande impor­tanza alla qualità conviene. Nel 2021 le vendite di prodotti biologici sono aumentate del 20 per cento e negli ultimi cinque anni sono complessivamente triplicate. L’interesse dimostrato dai clienti incoraggia Lidl Svizzera ad ampliare ulteriormente la gamma di prodotti biologici. Un esempio che illustra il binomio semplicità ed efficienza: Per le uova biologiche, l’azienda ha adottato il principio del «fratello gallo», che impedisce l’«abbattimento dei pulcini»: per ogni gallina ovaiola si alleva un gallo secondo metodi biologici. L’animale viene successivamente proposto come pollo arrosto. In questo modo si riesce a chiudere intelligentemente il cerchio tra la produzione di uova e di carne.

Consigliare, sostenere, contribuire

«Per noi la sostenibilità è un atteggiamento di base. Siamo convinti che vada di pari passo con il nostro modello aziendale Smart Discount» afferma Milz. La strategia punta sul dialogo a li-vello pubblico, la promozione della salute, il commercio equo e solidale, la protezione del cli-ma, la conservazione delle ­risorse e la biodiversità.

Che cosa significa esattamente? Lidl Svizzera utilizza l’ultimo aspetto, la biodiversità, come esempio. In questo settore ha ­avviato un proprio progetto di incentivazione, cofinanziando la ricerca di Agroscope e motivando i propri dipendenti a fare volontariato. ­Affianca inoltre i produttori svizzeri di frutta e verdura con consulenze specifiche per aziende agricole. Le misure per proteggere e promuovere la biodiversità sono pianificate insieme a esperti. Questo approccio si inserisce bene nella collaborazione con Agroscope, il centro di competenza della Confederazio-ne per la ricerca agricola. L’obiettivo è sviluppare soluzioni per ridurre al minimo l’uso di pesti-cidi. I primi ­risultati mostrano che l’allevamento di insetti utili è particolarmente ­efficace. Si tratta di insetti che si nutrono di afidi, vettori di ­virus. I risultati dei primi due anni sono stati così promettenti che sono in corso ulteriori ricerche.

Cosa si intende esattamente per volontariato? «Ogni anno Lidl Svizzera offre ai suoi dipendenti l’opportunità di partecipare a varie ­attività di volontariato, come le iniziative per la natura del WWF ­destinate a promuovere la biodiversità» spiega Milz. In una di queste attività hanno contribuito, ad esempio, a costruire siti di nidificazione per piccoli mammiferi e rettili o a bloccare l’avanzamento del bosco nei pascoli magri ricchi di specie». La conclusione di Torsten Friedrich, CEO di Lidl Svizzera: «Ogni anno non vedo l’ora di dare una mano e di toccare con mano cosa significa lavorare per la biodiversità in Svizzera.

«Perché sono in grado di affrontare problematiche che le singole aziende non possono risolvere da sole, le associazioni di categoria rivestono un’importanza centrale.»

Il rispetto dell’ambiente non è solo tendenza e un legante per il team, ma è anche essenziale se l’industria alimentare vuole sopra­vivere. Gli esperti avvertono: se non raggiungiamo gli obiettivi di emissione fissati a un massimo di 1,5 gradi di riscaldamento, le conseguenze potrebbero essere deva­stanti. Siccità, inondazioni, catene di approvvigionamento al collasso: se non scenderemo a zero emissioni entro il 2050, il futuro della produzione agricola sarà incerto. «Il commercio di prodotti alimentari poggia su un ambiente intatto. Perché solo questo garantisce la qualità e la disponibilità dei nostri prodotti a lungo termine. E in tal senso è il presuppo-sto per mantenere la promessa di qualità ai nostri clienti, oggi e in futuro» afferma Milz. E aggiunge: «Nel contempo sappiamo che le nostre merci lasciano un ­segno sul nostro pianeta: dall’estrazione delle materie prime alla loro trasformazione in prodotti, fino al trasporto, al consumo e allo smaltimento. Il cambiamento climatico, che procede più velocemente del previsto, e la drammatica perdita di biodiversità la preoccupano. Non solo perché l’agricoltura e l’alimentazione hanno un impatto ­significativo sul clima. Ma anche perché l’assortimento po-trebbe risentire delle conseguenze. Il passo verso un ­futuro vivibile inizia con la responsabilità personale, sottolinea Milz, e questa inizia internamente.

Premiato per l’equità e la parità salariale

Quello che pochi sanno: quando si parla di pari opportunità, Lidl Svizzera è all’avanguardia. Nel 2022 l’azienda ha ottenuto per la terza volta consecutiva la certificazione per la «Good Practice in Fair Compensation», un label dell’Associazione svizzera per i sistemi di qualità e di management (SQS). La sostenibilità comprende ­anche fattori sociali come l’uguaglianza di genere e la promozione di genere. «Oltre il 50 per cento delle filiali è gestito da donne e ben il 67 per cento dei team di gestione delle filiali è composto da donne. E i genitori ricevono due settimane in più di congedo maternità o paternità. Spesso viene loro offerta la possibilità di lavorare a tempo parziale per conciliare meglio famiglia e carriera», spiega Milz. Lidl Svizzera rinuncia anche alla deduzione di coordinamento nelle casse pensioni, il che va in particolare a beneficio di chi lavora a tempo parziale. Stefan ­Andexer, Chief Human Resources Officer Lidl Svizzera, afferma sul tema della parità salariale: «Non vediamo alcun motivo per cui un lavoro uguale non debba essere pagato allo stesso modo. Consideriamo questo riconoscimento una conferma del nostro impegno e cogliamo l’occasione per inviare un segnale a favore della parità di trattamento al di là del settore in cui operiamo».

Nonostante siano stati compiuti numerosi progressi siamo ancora lontani dal raggiungere l’obiettivo di zero emissioni inquinanti. Per questo è necessario l’impegno di tutti. «Le associazioni di categoria rivestono un’importanza centrale perché sono in grado di affrontare temi che le singole aziende non possono risolvere da sole. Ne è un esempio la sigla di un accordo che dimezza gli sprechi alimentari» spiega Milz, sottolineando anche l’importanza di obiettivi climatici misurabili cui tutti possano orientarsi. Ciò che la fa ancora sperare: «La sostenibilità ha ormai bussato anche alla porta dei top manager. Per molte aziende è diventata una priorità assoluta». A rallegrarsene non sono solo i clienti, ma anche l’ambiente.

Lidl Svizzera

Qualità, freschezza, sostenibilità e swissness sono i tratti distintivi dell’assortimento selezionato di Lidl Svizzera. Efficienza e semplicità caratterizzano il mondo di questo rivenditore al dettaglio e garantiscono il miglior rapporto qualità-prezzo creando i presupposti di una sostenibilità vissuta concre

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Foto: Lidl
Alimentazione

Responsabilità verso gli animali

Foto: Lidl Schweiz
Alimentazione

Passo dopo passo verso la dieta del futuro

Un’alimentazione sostenibile ha bisogno di divieti e tasse?
Alimentazione

Un’alimentazione sostenibile ha bisogno di divieti e tasse?

Articoli simili

Mensa
Management

Quando il cambiamento passa da quello che mangi in mensa

«La soluzione? Alghe commestibili da aziende agricole svizzere!»
Alimentazione

«La soluzione? Alghe commestibili da aziende agricole svizzere!»

Città più verdi o alloggi per tutti?
Costruzioni e abitazioni

Città più verdi o alloggi per tutti?