Logo image
Foto: Lidl Schweiz

Lidl Svizzera si impegna per un'alimentazione sana e sostenibile. Foto: Lidl Svizzera

Produzione e consumo Contenuto partner: Lidl Svizzera

Passo dopo passo verso la dieta del futuro

Come possiamo mangiare in modo più sano e allo stesso tempo fare del bene al nostro pianeta? Una domanda che diviene ogni giorno più urgente, viste le risorse sempre più scarse e le conseguenze del cambiamento climatico che si ripercuotono su tutti noi: per potere nutrire una popolazione mondiale di dieci miliardi di persone nel 2050 è necessario intraprendere nuovi percorsi, a partire dalla produzione fino al consumatore finale. In qualità di impresa di commercio al dettaglio in crescita, Lidl Svizzera si assume le responsabilità e persegue una strategia di sostenibilità sulla base delle più recenti ricerche scientifiche.

3

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Passo dopo passo verso la dieta del futuro

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

4 Min.  •   • 

Nel 2017, Lidl Svizzera aveva già stabilito nuovi standard nel campo dell'alimentazione. Come prima impresa di commercio al dettaglio della Svizzera, l'azienda ha pubblicato una strategia completa per la riduzione dello zucchero e del sale, nonché obiettivi chiari per quanto riguarda i residui, contaminanti e additivi nei propri marchi. Quasi cinque anni dopo, l'attenzione si è spostata dai problemi di salute individuali a una prospettiva globale: come si possono nutrire in modo sostenibile dieci miliardi di persone nel mondo entro i limiti ecologici del 2050?

La Planetary Health Diet

Con la Planetary Health Diet (PHD), la Commissione EAT-Lancet ha presentato nel 2019 una base scientifica per una svolta nell'alimentazione a livello globale. Con il coinvolgimento di diversi settori specialistici è stata sviluppata una dieta vegetariana ed equilibrata che dovrebbe consentire un'alimentazione sana a dieci miliardi di persone entro il 2050 senza sovraccaricare il pianeta. Attualmente, la nostra alimentazione occupa il 55% della biocapacità del pianeta e la tendenza è in aumento. D'altra parte, come indicato dalla PHD, più di un terzo delle morti premature in Europa potrebbe essere evitato con una dieta sana.

Gli studi della PHD costituiscono la base del progetto che Lidl Svizzera si è prefissata nell'ambito di un'alimentazione consapevole. La PHD si concentra principalmente su prodotti di origine vegetale, ovvero frutta e verdura, cereali integrali e fonti proteiche di origine vegetale, come lenticchie o noci. I prodotti animali come la carne e i latticini non vengono eliminati dal menu, ma sono semplicemente rappresentati in proporzioni minori rispetto a quelle attuali. Oltre alla già citata riduzione di zucchero e sale, l'uso crescente di cereali integrali nei prodotti a marchio proprio e la cosiddetta transizione proteica, che mira ad aumentare l'uso delle fonti proteiche di origine vegetale, svolgono un ruolo centrale nella strategia di sostenibilità di Lidl Svizzera.

Obiettivi chiari per la transizione proteica

L'impresa di commercio al dettaglio vuole offrire alla sua clientela un'ampia scelta di prodotti alimentari che consentano un'alimentazione regionale, stagionale e a base vegetale. Ciò si riflette nell'adattamento permanente dell'assortimento a marchio proprio come parte della strategia proteica dell’azienda. L'obiettivo è quello di aprire la strada a una dieta a base vegetale per tutti i clienti, non solo per i vegani, e di aumentare costantemente la percentuale delle fonti proteiche vegetali. Con il supporto del WWF Svizzera, Lidl Svizzera si è prefissata obiettivi chiari per la transizione proteica. Attualmente, il rapporto tra prodotti animali e vegetali è di 84% a 16%, e 95% a 5% per i latticini. L'obiettivo entro il 2030 è un rapporto di 80:20 (animale:vegetale) e 90:10 per i latticini.

Foto: Lidl Svizzera

Foto: Lidl Svizzera

Già ora presso Lidl Svizzera sono disponibili in modo permanente oltre 100 prodotti alternativi vegani e vegetariani del premiato marchio proprio "Vemondo".

Mariella Meyer del WWF Svizzera sottolinea l'importanza dell'impegno di Lidl Svizzera: «Per stabilire un'alimentazione sostenibile, è importante promuovere nuove abitudini di consumo. Il WWF Svizzera accoglie con favore l'impegno e la trasparenza di Lidl Svizzera per quanto riguarda la misurazione delle fonti proteiche e i suoi obiettivi in questo ambito.»

Infine, anche la sensibilizzazione verso un'alimentazione sana e sostenibile e una comunicazione trasparente che aiuti a prendere decisioni d'acquisto consapevoli sono parte integrante della strategia di sostenibilità di Lidl Svizzera. In base al nostro principio: fare del bene e parlarne. Perché gli obiettivi della Planetary Health Diet possono essere raggiunti solo insieme.

Varietà vegana per una dieta sostenibile

L'ampia offerta di prodotti a base vegetale di Lidl Svizzera dimostra l'impegno dell'azienda nel consentire ai clienti di prendere una decisione d'acquisto consapevole. Una parte importante è rappresentata dal marchio vegano "Vemondo", che ha vinto il V-Label Award nel 2023. Ma non solo i prodotti Vemondo sono disponibili in modo permanente presso Lidl Svizzera. In totale, ci sono più di 100 diverse offerte vegetariane e vegane, con ulteriori prodotti aggiuntivi a partire da questo mese.

Lidl Svizzera, quindi, non solo risponde alla crescente domanda di prodotti a base vegetale, ma promuove attivamente un'alimentazione sana e sostenibile in linea con la Planetary Health Diet. In questo modo, l'azienda dimostra la propria responsabilità nei confronti dei clienti, dell'ambiente e delle generazioni future.

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato da Lidl Svizzera stesso nell'ambito del partenariato con Sustainable Switzerland.

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Un’alimentazione sostenibile ha bisogno di divieti e tasse?
Alimentazione

Un’alimentazione sostenibile ha bisogno di divieti e tasse?

Foto: Lidl
Management

«La sostenibilità genera fiducia»

Foto: Yeastup
Alimentazione

Nuova vita per vecchi lieviti

Articoli simili

Proteine alternative: un bene per i consumatori, le imprese e il clima
Cambiamento climatico

Proteine alternative: un bene per i consumatori, le imprese e il clima

Mensa
Management

Quando il cambiamento passa da quello che mangi in mensa

«Gli acquisti sostenibili non devono necessariamente essere costosi»
Alimentazione

«Gli acquisti sostenibili non devono necessariamente essere costosi»