Logo image
Un’alimentazione sostenibile ha bisogno di divieti e tasse?
Produzione e consumo

Un’alimentazione sostenibile ha bisogno di divieti e tasse?

Produzione di carne ad alta intensità di CO₂ e vie di trasporto che si estendono su metà del globo: sempre più spesso, l’alimentazione diventa argomento di discussione in relazione alla sostenibilità e alla questione climatica. I prodotti che inquinano direttamente o indirettamente l'ambiente dovrebbero essere tassati più pesantemente o addirittura vietati? O la responsabilità dei singoli individui è in ultima analisi la soluzione verso un'economia alimentare che conservi le risorse?

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Un’alimentazione sostenibile ha bisogno di divieti e tasse?

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

3 Min.  •   • 

Dacci oggi il nostro pane quotidiano....

Solo la responsabilità personale porta a un'inversione di tendenza a livello alimentare

Non c'è niente di meglio della libertà di scelta e della responsabilità individuale. I consumatori vedono i divieti e le tasse come un'intrusione nella libertà (di scelta) personale. Soprattutto in tempi di scetticismo climatico, i divieti e le tasse conducono nella direzione sbagliata e alimentano solo resistenze. Le etichette sono meno invasive e, nel lungo periodo, sensibilizzano i consumatori in modo più efficace.

L'ingiustizia sociale è in crescita. Si tratta senza dubbio di un problema dell'industria alimentare odierna, tuttavia: i generi alimentari economici sono spesso di scarsa qualità in termini di ingredienti e produzione. In ogni caso, soprattutto i gruppi di popolazione a basso reddito dipendono da beni a buon mercato e verrebbero quindi doppiamente penalizzati.

L'attuazione è molto complessa. L'attuazione e il rispetto dei criteri di sostenibilità per i generi alimentari sono complessi poiché in primo luogo è necessario un coordinamento tra mercato e politica e, in secondo luogo, gli standard regionali e internazionali vanno allineati. La minaccia proviene da una pura burocratizzazione del cibo.

Le dinamiche di mercato ne risentono. Non solo l'attuazione è complessa, ma anche il mercato ne viene distorto, con conseguenze imprevedibili per l'economia, che a loro volta si ripercuotono sull'occupazione. In definitiva, i consumatori finali stanno pagando per la negligenza del mercato e della politica degli ultimi decenni.

E non ci indurre in tentazione...

Chi vuole consumare prodotti dannosi dovrebbe pagare di conseguenza

Una regolamentazione del mercato con forti segnali. Divieti e tasse non hanno la pretesa di essere approvati al cento per cento - non è stato così nemmeno per il tabacco, l'alcol o i veicoli diesel. Tutti sono efficaci. Tuttavia, il consumo di alimenti inquinanti e malsani verrebbe ridotto, segnalando al contempo che le alternative sostenibili sono una priorità politica. Alla fine della giornata, anche i consumatori se ne rendono conto.

I costi esterni vengono presi in considerazione. Divieti e tasse prendono in considerazione i costi effettivi (per l'uomo, gli animali e l'ambiente) dei prodotti, e li ammortizzano. Questi introiti fiscali possono essere utilizzati altrove per promuovere la sostenibilità, ad esempio investendo in infrastrutture o energie ecologiche.

Uno sgravio per il sistema sanitario. Tassare gli alimenti malsani (e incoraggiare il consumo di quelli sani) promuove la salute della comunità. A beneficiarne è il sistema sanitario, e una società sana paga meno premi dell’assicurazione malattie. Nel migliore dei casi.

Una orientamento per il settore. Il mercato deve seguire l'esempio e adattare le proprie offerte alle nuove contingenze, il che continua a favorire la sostenibilità nell'industria alimentare. Gli ingredienti vengono sostituiti con altri meno dannosi e le catene di produzione e di approvvigionamento ottimizzate per offrire ai consumatori prodotti più rispettosi dell'ambiente.

Questo articolo copre i seguenti SDG

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) sono 17 obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile concordati dagli Stati membri dell'ONU nell'Agenda 2030 e riguardano temi quali la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, la salute, l'istruzione, l'uguaglianza di genere, l'acqua pulita, l'energia rinnovabile, la crescita economica sostenibile, le infrastrutture, la protezione del clima e la tutela degli oceani e della biodiversità.

12 - Consumo e produzione responsabili

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

«Gli acquisti sostenibili non devono necessariamente essere costosi»
Alimentazione

«Gli acquisti sostenibili non devono necessariamente essere costosi»

Volodymyr Hryshchenko/Pixabay
Economia circolare

Da Migros a IKEA: l'economia del riciclo che giova a consumatori e imprese

«Fast Fashion: è sostenibile?»
Tessili

Fast Fashion: possiama portarla ancora a lungo?

Articoli simili

Proteine alternative: un bene per i consumatori, le imprese e il clima
Cambiamento climatico

Proteine alternative: un bene per i consumatori, le imprese e il clima

Chief Sustainability Officer: indispensabile o superfluo?
Economia circolare

Chief Sustainability Officer: indispensabile o superfluo?

Agricoltura: approvvigionamento sicuro da noi o produzione ecologica?
Alimentazione

Agricoltura: approvvigionamento sicuro da noi o produzione ecologica?