Logo image
«È meglio promettere meno, ma essere più concreti»

Thomas Becker, Responsabile della sostenibilità e della mobilità di BMW Group. Photo: Sandra Blaser

Clima ed energia Contenuto partner: BMW

«È meglio promettere meno, ma essere più concreti»

Thomas Becker, Responsabile della sostenibilità e della mobilità del BMW Group, parla dell’obiettivo della casa automobilistica di ridurre l’impronta di CO₂ del 40% entro il 2030, sebbene i fornitori siano responsabili di circa due terzi delle emissioni: la missione è coinvolgere tutti.

2

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

«È meglio promettere meno, ma essere più concreti»

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

8 Min.  •   • 

Cosa ne pensa della nuova Isetta??

Thomas Becker: (ride) Sono decenni che si parla di consolidamento nell’industria automobilistica: aziende con sempre meno marchi e modelli. Incredibilmente, ora sta accadendo l’esatto contrario: più offerte, più fornitori e nuovi Paesi da cui provengono le auto.

Per quanto riguarda la Svizzera, dobbiamo essere orgogliosi che qui venga costruita un’auto elettrica nello stile dello scooter BMW degli anni Cinquanta. Ma la domanda è: ha senso un’auto elettrica da città su tre ruote?

Non faccio commenti sui concorrenti. Tutto quello che posso dire è che una volta ho guidato una delle nostre Isetta: i progressi che nel frattempo abbiamo fatto si vedono eccome.

Uno degli obiettivi di sostenibilità del BMW Group è che, entro il 2030, almeno la metà dei veicoli forniti sia costituita da auto completamente elettriche. A che punto siete al momento?

Abbiamo stipulato molti contratti con i fornitori, che ora vengono gradualmente implementati. Questo significa che l’impronta ecologica dei nostri veicoli è in costante diminuzione. Non possiamo raggiungere l’obiettivo in un colpo solo, ma ci troviamo su una curva di avvicinamento. Le cose cambiano dunque man mano che ci si avvicina.

In che modo?

Se abbiamo un valore di consumo in litri per chilometro, esso rimane lo stesso il primo giorno come l’ultimo. Nel caso della catena di fornitura dei veicoli, il punto è che possiamo ridurre l’impronta di carbonio durante il ciclo di vita di un’auto elettrica – e questo è particolarmente importante per i veicoli elettrici. Per esempio, per il fatto che utilizziamo sempre più materiale secondario, migliorando così la nostra impronta ambientale già al momento dell’acquisto dei prodotti per la produzione.

Questo vale anche per gli aggiornamenti del software?

Riusciamo a ottenere miglioramenti nell’utilizzo di un veicolo, cioè sulla strada con il cliente. Tuttavia, non possiamo modificare retroattivamente l’impronta di carbonio nella produzione.

E guardando avanti?

Abbiamo redatto degli ecobilanci che dimostrano che ogni veicolo nuovo è migliore del suo predecessore. Pertanto, facendo una stima su una durata di vita realistica, come conducente di un’auto elettrica sono positivo netto in ogni caso. Ma questo significa anche che io, come utente, devo condividere la responsabilità, ad esempio, utilizzando solo elettricità verde per la ricarica.

Il mosaico si compone di molte tessere ...

... e dobbiamo utilizzare tutte le opportunità di aggiustamento. Abbiamo a che fare con un compito molto arduo. All’esterno, iniziamo con i grandi pezzi, come gli acquisti diretti di acciaio e alluminio o delle celle delle batterie. Ma non basta. Dobbiamo anche agire in modo più incisivo nella seconda e terza fase della catena di approvvigionamento per ridurre la nostra impronta di carbonio. In questo ambito, negli ultimi mesi abbiamo visto molti segnali positivi di accelerazione.

Il punto cruciale è che i vostri fornitori rappresentano circa il 70% dell’impronta. Non è un po’ come lottare contro i mulini a vento?

Se non facessimo nulla, probabilmente presto avremmo più CO₂ nei componenti che sulla strada. Ovviamente questo non va bene. Per questo motivo, dobbiamo cambiare le cose e coinvolgere i nostri fornitori, a monte e a valle, in un dialogo congiunto. Allora può succedere qualcosa. Molti dei nostri fornitori sono aziende con un programma ambizioso. Operano in settori ad alta intensità energetica, dai quali sia la politica che l’opinione pubblica si aspettano progressi. E noi agiamo sul lato dei clienti.

Quanto sono rilevanti o attivi i fornitori svizzeri in questo gioco tra le parti?

Notiamo che la competenza di molti dei nostri fornitori sta aumentando in modo considerevole. Le aziende svizzere, in particolare, hanno fatto propri i nostri valori fondamentali di affidabilità e impegno. La fiducia è infatti un bene estremamente scarso, soprattutto quando si tratta di automobili. Se affermiamo qualcosa, dobbiamo anche essere in grado di dimostrare che è così o che lo stiamo facendo. Solo fornendo informazioni attivamente possiamo far fronte alle questioni più critiche – e questo vale per tutte le aree dirette e indirette che compongono la nostra impronta di carbonio.

L’industria automobilistica non gode sempre di ottima reputazione quando si tratta di fatti. Il BMW Group sta agendo in modo molto trasparente: ma le persone vi credono?

Deve chiedere a chi si occupa delle verifiche. Tuttavia, credo che abbiamo dimostrato più volte che facciamo ciò che diciamo di fare. E a volte diciamo anche cose che non sono ben accolte all’esterno. Poiché, alla fine, la fiducia si conquista con l’onestà. È meglio promettere un po’ meno, ma essere più concreti – e mantenere ciò che si dichiara.

È per questo che promettete di ridurre la vostra impronta di carbonio del 40% entro il 2030, piuttosto che proclamare lo zero netto entro il 2050?

Il problema centrale è la rapidità con cui avanziamo, e noi non siamo i soli a determinarla. Anche questo significa essere onesti. Per esempio, in merito a quando sarà disponibile l’acciaio privo di CO₂ e in quale quantità, possiamo impegnarci contribuendo a questa dinamica, ma non possiamo determinarla. E questo vale anche per l’aumento della mobilità elettrica sul mercato. E se un produttore di automobili intende davvero essere CO₂-neutrale con veicoli completamente elettrici, significa che il 100% dei suoi clienti deve viaggiare con elettricità verde. Siamo noi a decidere quando e a che velocità ciò può avvenire? No. Tuttavia, sappiamo quali leve possiamo muovere nei prossimi sette anni per raggiungere il traguardo prefissato.

Non sta esagerando un po’ con la modestia?

Stiamo già valutando cosa succederà dopo. Ma il punto è che si tratta di un obiettivo concreto che viene tradotto in linee guida per un gran numero di persone nella nostra azienda, che poi verranno valutate in base ad esso. Pertanto, si aspettano che io non faccia una qualche affermazione per ottenere un buon punteggio all’esterno, bensì che essa sia il più possibile realistica in termini di accuratezza e certezza.

Pandemia, guerra in Ucraina, carenza di energia, recessione e inflazione: che influenza ha l’attuale situazione generale sulle vostre ambizioni?

Purtroppo, per varie ragioni, oggi non possiamo costruire tanti veicoli quanti ne potremmo vendere, perché ci sono ancora problemi con la disponibilità dei semiconduttori. Inoltre, a causa della guerra in Ucraina, anche noi abbiamo avuto alcune interruzioni, ora di nuovo sotto controllo. Al momento, però, il tema dei chip continua a rappresentare una sfida per tutti gli operatori del settore automobilistico.

Facendo un balzo in avanti di sette anni al 2030: che cosa rappresenta per voi la vostra ambizione di diventare completamente elettrici al 50%?

Abbiamo molti mercati di vendita per le auto elettriche in cui le cose si stanno muovendo molto velocemente. Non si tratta solo dei «soliti sospetti» come la Norvegia, ma anche per esempio di Svizzera, Gran Bretagna, Belgio e Francia. In Europa abbiamo un enorme divario nord-sud ed est-ovest. Se si parla solo di mobilità totalmente elettrica, il punto critico non è il primo 50%, ma l’ultimo 25%, vale a dire, le persone che vivono in regioni in cui le infrastrutture sono carenti. Basta pensare all’Italia o alla Spagna: si tratta di grandi mercati in cui è fondamentale che le cose cambino. Come costruttori di automobili, non possiamo avere il controllo su questo aspetto, ma avremo un’offerta elettrica in ogni segmento per progredire il più rapidamente possibile.

E quanto è realistico ridurre l’impronta di carbonio dell’azienda del 40% entro il 2030?

Molto. La nostra impronta si ridurrà in modo significativo grazie all’elettrificazione, ma si ridurrà ancora di più elettrificando e tenendo sotto controllo la catena di approvvigionamento in parallelo. Noi facciamo entrambe le cose e, per attuare l’Accordo sul clima di Parigi, un’azienda deve necessariamente fare entrambe le cose, altrimenti, ammesso che ci si arrivi, si otterrà solo una neutralità per la quale si dovrà compensare molto. Ma il nostro approccio non è quello di compensare: se fissiamo obiettivi di mitigazione, dobbiamo mitigare sul serio. Ecco perché ci siamo impegnati nella Science Based Targets initiative (SBTi).

Questo vale anche per i veicoli a benzina o diesel?

Sì. Fino a quando produrremo e venderemo motori a combustione, li renderemo più efficienti. Continuiamo a investire nella sostenibilità di questi motori, dal pozzo minerario al 200.000° chilometro.

Cosa la spinge personalmente a mettere i CV sulla strada per un futuro sostenibile?

Il fatto che noi, come BMW Group, tra dieci anni saremo ancora all’altezza di ciò che i nostri clienti, partner, investitori e la società in generale giustamente si aspettano da noi. Siamo noi a dover dare il buon esempio.

La persona

Da poco più di tre anni, il Dr. Thomas Becker è responsabile del reparto Sostenibilità e mobilità del BMW Group a Monaco di Baviera. Dal 2007 al 2019, ha condotto la divisione Politiche e relazioni esterne ed è stato responsabile, tra le altre cose, delle comunicazioni globali dell’azienda in materia di Corporate social responsibility e sostenibilità.

Thomas Becker ha iniziato la sua carriera come consulente presso il dipartimento di politica ambientale del Bundesverband der Deutschen Industrie BDI (federazione delle industrie tedesche) a Berlino. In seguito, ha ricoperto diverse posizioni dirigenziali presso il Verband der Automobilindustrie VDA (associazione tedesca dell’industria automobilistica) a Francoforte.

Il BMW Group ha sede a Monaco di Baviera e, con i suoi quattro marchi BMW, Mini, Rolls-Royce e BMW Motorrad, è uno dei principali produttori premium di automobili e motocicli. L’azienda impiega circa 125.000 persone in tutto il mondo.

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di BMW.

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Foto: PD
Mobilità

«Alluminio verde» per la produzione BMW

Sulla strada verso la mobilità sostenibile
Cambiamento climatico

Sulla strada verso la mobilità sostenibile

La mobilità verde inizia dalla progettazione delle auto
Cambiamento climatico

La mobilità verde inizia dalla progettazione delle auto

Articoli simili

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?
Cambiamento climatico

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?

Uso di fibre naturali nella BMW M4 GT4: la casa automobilistica punta sulle strutture leggere bio ideate da Bcomp.
Economia circolare

Il piacere di guidare parte dall’innovazione

L’economia circolare sta decollando
Economia circolare

L’economia circolare sta decollando