Logo image
Sulla strada verso la mobilità sostenibile

Nel prossimo futuro, dai capannoni di produzione BMW uscirà un'intera gamma di veicoli di grande appeal. Foto: PD

Clima ed energia Contenuto partner: BMW

Sulla strada verso la mobilità sostenibile

BMW ha tracciato la rotta per il futuro: già oggi, quasi il 30% di tutte le nuove auto in Svizzera sono elettriche. E a partire dai primi anni 2030, MINI e Rolls Royce avranno solo modelli completamente elettrici nella loro gamma.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Sulla strada verso la mobilità sostenibile

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

5 Min.  •   • 

Quando BMW lanciò la i3 nel 2013, la piccola auto elettrica dal design futuristico era un'eccezione sensazionale nelle strade, e la casa automobilistica di Monaco non solo scrisse la storia con il suo primo veicolo elettrico, ma affrontò anche il tema della mobilità sostenibile da zero: lo stabilimento di Lipsia in cui era stata prodotta la i3 fu il primo del suo genere con un bilancio ecologico certificato ISO; per la vettura stessa furono utilizzati nuovi tipi di materiali, realizzati tra l'altro con plastica riciclata. In otto anni e mezzo, sono state vendute 250.000 unità della pionieristica utilitaria elettrica, in 74 Paesi.

Da allora, il BMW Group ha proseguito con successo su questa strada: una gamma crescente di modelli completamente o parzialmente elettrificati è la prova di questa strategia coerente. Solo entro la fine di quest'anno, saranno prodotti in totale 15 veicoli elettrici a batteria. In Svizzera, nella prima metà del 2022, oltre il 28% di tutte le BMW e MINI di nuova immatricolazione erano già completamente o parzialmente elettrificate. La casa automobilistica è riuscita ad aumentare le vendite di veicoli completamente elettrici del 131% rispetto al 2021. Di conseguenza, nel secondo trimestre del 2022 il BMW Group è rimasto il fornitore di automobili premium di maggior successo in Svizzera.

200.000 veicoli completamente elettrici

«L'impressionante aumento delle immatricolazioni di veicoli completamente elettrici ci incoraggia nel nostro percorso verso una maggiore mobilità elettrica. L'elevato livello della domanda dei clienti per i prodotti high-tech e i propulsori innovativi ci sta aiutando a raggiungere i nostri obiettivi di sostenibilità quest'anno», afferma Paul de Courtois, Presidente e CEO di BMW (Svizzera) SA. Ciò che funziona già oggi deve essere ampliato in modo significativo in futuro. Nel 2030, si prevede che almeno la metà delle consegne globali di veicoli del BMW Group sarà costituita da vetture completamente elettriche.

A livello mondiale, tuttavia, il BMW Group si è posto anche obiettivi ambiziosi a breve termine. Nel 2022, si prevede di vendere più di 200.000 veicoli completamente elettrici, il che aumenterebbe di almeno il doppio le vendite del 2021 in questo segmento. Con la BMW i7 e la BMW iX1, quest'anno verranno lanciati sul mercato altri due veicoli completamente elettrici di importanti serie di modelli, che aumenteranno ulteriormente le vendite e la quota di veicoli elettrificati.

Obiettivo: completa neutralità climatica

Gli obiettivi ambiziosi si basano su una chiara strategia ambientale: l'anno scorso, il BMW Group ha nuovamente rafforzato gli obiettivi che si era prefissato per ridurre in modo significativo le emissioni di CO2, e si è inoltre impegnato a seguire un percorso in linea con l'obiettivo di limitazione del riscaldamento globale di 1,5 gradi. Entro il 2030, si intende raggiungere una riduzione delle emissioni di CO2 del 40% almeno per veicolo nell'intero ciclo di vita. L'azienda è stata la prima casa automobilistica tedesca ad aderire alla «Business Ambition for 1.5°C» della Science Based Targets Initiative, e si impegna a raggiungere l'obiettivo della completa neutralità climatica in tutta la catena del valore entro il 2050.

Per il marchio BMW, i sistemi di propulsione elettrica sono al centro della strategia futura, ma al contempo viene condotta un'intensa ricerca anche su altre tecnologie, come i sistemi di propulsione a celle a combustibile a idrogeno. E sulla base di un sistema di costruzione modulare e scalabile, nello stesso modello BMW possono spesso essere integrati diversi tipi di sistemi di propulsione, a seconda delle esigenze dei clienti. «Il nostro obiettivo è e rimane quello di garantire la mobilità ai nostri clienti, rispettando il più possibile il clima», afferma il Presidente del Consiglio di Amministrazione di BMW SA, Oliver Zipse. Nel caso dei marchi MINI e Rolls-Royce, la pianificazione si muove ancora una volta in modo coerente in una direzione fondamentale. All'inizio degli anni 2030, saranno offerti solo veicoli completamente elettrici. Il motivo di questa strategia con due marchi, a prima vista completamente diversi, è il profilo utente sorprendentemente comparabile, come dichiara il BMW Group. I veicoli MINI sono utilizzati principalmente nelle aree urbane, mentre i veicoli Rolls-Royce sono perlopiù impiegati per distanze più brevi, il che si adatta bene alle unità elettriche.

Regole dell'economia circolare

Tuttavia, i veicoli elettrici da soli non sono sufficienti per raggiungere obiettivi di totale sostenibilità come quelli fissati da BMW. Ecco perché l'azienda investe in materiali e processi produttivi che vengono continuamente ottimizzati ed ecologizzati secondo le regole dell'economia circolare. Analogamente al veicolo pionieristico i3, il suo successore “nello spirito”, la BMW iX lanciata nel 2021 viene ora prodotta secondo tutte le regole dell'arte ambientale. In un audit ambientale intensivo, confermato dal TÜV Rheinland, BMW è stata in grado di dimostrare che la BMW iX elettrica ha un potenziale di riscaldamento globale ridotto al 66% nell'intero ciclo di vita, dalla produzione, all'utilizzo al riciclaggio. Questo, ad esempio, rispetto a una BMW X5 30d con un motore diesel a basso consumo. Il BMW Group effettua tali audit per tutti i modelli elettrici, al fine di valutare costantemente il percorso verso la sostenibilità.

Nel prossimo futuro, dagli impianti di produzione del BMW Group uscirà un'intera gamma di veicoli molto interessanti, sviluppati e costruiti in linea con quest’ampia strategia di mobilità sostenibile. Ne sono un esempio la MINI Countryman, la BMW Serie 5 o la Rolls Royce Spectre, con la quale il marchio di lusso britannico diventa pioniere in un nuovo territorio, come ha fatto qualche anno fa con la BMW i3.

Interno vegano

L'anno prossimo, il BMW Group lancerà i primi veicoli con interni prodotti in modo completamente vegano. Questo è possibile soprattutto grazie allo sviluppo di materiali innovativi con proprietà simili alla pelle. In futuro, tali materiali potranno essere utilizzati anche per le superfici dei volanti, che devono soddisfare requisiti particolarmente elevati in termini di sensazione al tatto, look premium e resistenza all'usura. Per la prima, volta saranno disponibili varianti di interni completamente vegani per entrambi i modelli BMW e MINI. Le superfici in materiali diversi dalla pelle riducono le emissioni di CO2 fino all'85%.

*Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di BMW.

Questo articolo copre i seguenti SDG

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) sono 17 obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile concordati dagli Stati membri dell'ONU nell'Agenda 2030 e riguardano temi quali la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, la salute, l'istruzione, l'uguaglianza di genere, l'acqua pulita, l'energia rinnovabile, la crescita economica sostenibile, le infrastrutture, la protezione del clima e la tutela degli oceani e della biodiversità.

7 - Energia pulita e accessibile
13 - Lotta contro il cambiamento climatico

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

La mobilità verde inizia dalla progettazione delle auto
Cambiamento climatico

La mobilità verde inizia dalla progettazione delle auto

Foto: PD
Mobilità

«Alluminio verde» per la produzione BMW

«È meglio promettere meno, ma essere più concreti»
Economia circolare

«È meglio promettere meno, ma essere più concreti»

Articoli simili

Uso di fibre naturali nella BMW M4 GT4: la casa automobilistica punta sulle strutture leggere bio ideate da Bcomp.
Economia circolare

Il piacere di guidare parte dall’innovazione

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?
Cambiamento climatico

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?

SSF BMW
Energia

Stoccaggio efficiente delle rinnovabili