Logo image
Foto: Swisscom

I clienti di Swisscom possono restituire gli smartphone difettosi in tutti i negozi Swisscom e farli riparare. Foto: Swisscom

Contenuto partner: Swisscom

Dare speranza con i vecchi telefoni cellulari

Uno smartphone diventa rapidamente non più «aggiornato». Per questo è ancora più importante che i vecchi modelli vengano ricondizionati o riciclati, perché in loro si nasconde un vero tesoro. La buona notizia: con ogni dispositivo dismesso è possibile aiutare i bambini bisognosi.

1

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Dare speranza con i vecchi telefoni cellulari

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

6 Min.  •   • 

«Mi regalerò questo nuovo smartphone» si dice Ramona S. (34). Viaggia molto per lavoro e ha bisogno di un telefono cellulare performante. La batteria del dispositivo precedente si è deteriorata in modo evidente. Soprattutto, però, il nuovo modello ha funzioni aggiuntive che entusiasmano Ramona. E il vecchio cellulare? Potrebbe semplicemente servire come «back-up», pensa.

Un nuovo telefono cellulare ogni due anni

Ramona S. non è un caso isolato. Ogni sei mesi vengono immessi sul mercato nuovi modelli di smartphone. Secondo Swisscom i cittadini svizzeri acquistano in media un nuovo cellulare ogni due anni. Il «vecchio» modello finisce di solito in un cassetto e viene rapidamente dimenticato. Nel 2022, solo circa un quarto dei telefoni cellulari venduti è tornato al rivenditore. Il resto ha contribuito a far crescere la montagna di rifiuti elettronici.

Qual è il problema quando i telefoni cellulari vengono semplicemente scartati anche se sono ancora funzionanti? Innanzitutto, esiste una regola empirica: «Più a lungo si utilizza un dispositivo, più è ecologico» afferma Saskia Günther, responsabile per la sostenibilità di Swisscom. Il 75% delle emissioni di CO2 degli smartphone viene prodotto durante la fabbricazione.

In secondo luogo, gli smartphone dismessi privano l’economia circolare di importanti risorse limitate. Si stima che otto milioni di telefoni cellulari giacciano inutilizzati nei cassetti e negli armadi della Svizzera. Contengono più di 20 materie prime per un valore di oltre 60 milioni di franchi svizzeri. Includono metalli industriali come rame, alluminio, nichel, terre rare, ma anche argento e persino oro. Il contenuto d’oro è di circa 240 chilogrammi, cioè più di quanto si estrae da una tonnellata di roccia in una miniera sudafricana. «Invece di passare subito a un nuovo smartphone, è più ecologico rinnovare quello vecchio» afferma Günther e aggiunge: «consente anche di risparmiare denaro». Gli smartphone difettosi possono essere consegnati per la riparazione in tutti i negozi Swisscom. Swisscom invia i dispositivi a un partner di assistenza. I modelli di seconda mano sono un’altra opzione. Sono economici e hanno anche una garanzia di un anno di Swisscom.

Donazioni per Mobile Aid

Chi per buone ragioni continua tuttavia a desiderare un compagno smart sempre più moderno, dovrebbe almeno trarre il massimo dal proprio dispositivo di fiducia. Nell’ambito di un programma di «buyback», Swisscom acquista per esempio a prezzi vantaggiosi tutti i telefoni cellulari ancora funzionanti e con un valore residuo e li prepara per rivenderli. Ma che ne direste invece di usare il vostro vecchio telefono per fare qualcosa di positivo per gli altri? È proprio questo il significato del programma «Mobile Aid» di Swisscom. Il principio: a seconda delle condizioni il telefono cellulare viene riparato e rivenduto o riciclato. In quest’ultimo caso le preziose materie prime rientrano nel ciclo. Si chiama «urban mining». Inoltre, i materiali tossici vengono resi innocui con le dovute precauzioni.

«Mobile Aid prende tre piccioni con una fava: l’ambiente viene protetto grazie al riciclo, le persone con disabilità hanno l’opportunità di reintegrarsi e il ricavato va a beneficio dei bambini bisognosi. Più sostenibile di così non si può.»

Alain Kappeler

direttore generale di SOS Villaggi dei Bambini Svizzera

In ogni caso, il ricavato va direttamente all’organizzazione SOS Villaggi dei Bambini. Dal lancio di Mobile Aid nel 2012, oltre un milione di telefoni cellulari è stato utilizzato per finanziare più di cinque milioni di pasti per i bambini bisognosi. Un successo incredibile. «Mobile Aid ha un impatto sostenibile a tutti i livelli: il riciclaggio protegge l’ambiente» spiega Alain Kappeler, direttore generale di SOS Villaggi dei Bambini Svizzera. Prima che i telefoni vengano riciclati, l’impresa sociale Réalise di Ginevra cancella tutti i dati personali dai dispositivi. «Grazie al programma di economia circolare le persone con disabilità trovano un impiego significativo presso Réalise e i bambini in difficoltà vengono aiutati» afferma con soddisfazione Kappeler. Questa organizzazione per l’infanzia è attiva in totale in oltre 135 Paesi. L’obiettivo è consentire ai bambini e ai giovani di avere un futuro indipendente e sostenere il loro sviluppo.

Foto: Swisscom

Fonte: Swisscom

Aiuto ai bambini del Nicaragua

I fondi di Mobile Aid servono in particolare a supportare le famiglie e i loro bambini a Esteli, in Nicaragua. Il Paese è uno dei più poveri dell’America Latina: il 17% dei bambini sotto i cinque anni è considerato cronicamente malnutrito. Secondo l’Unicef, una ragazza su dieci rimane incinta durante l’adolescenza. «Consigliamo e accompagniamo le famiglie in modo che possano migliorare la loro situazione finanziaria, insegniamo loro le capacità genitoriali, forniamo assistenza ai bambini e assicuriamo pasti sani e controlli sanitari regolari» spiega Kappeler. È una fortuna che Ramona S. possa scoprire per tempo le opzioni disponibili per il suo vecchio telefono nel negozio Swisscom. Ramona abbandona risolutamente i suoi piani originari e prende una decisione: «Donerò il mio telefono cellulare. Mi fa più piacere sostenere i bambini poveri e proteggere l’ambiente che avere qualche franco in più nel portafoglio».

Offerte sostenibili per il riutilizzo

Da oltre 25 anni Swisscom si impegna per una maggiore sostenibilità, includendo fra l’altro offerte di riutilizzo per telefoni cellulari inutilizzati o difettosi: ognuno di noi può dare un contributo prezioso all’economia circolare e dare una seconda vita ai telefoni cellulari dismessi.

Potete per esempio vendere il vostro vecchio cellulare a Swisscom: sarà rimesso a nuovo e l’importo restituito sarà pagato o accreditato per l’acquisto di un nuovo cellulare. Il denaro può anche essere donato per una buona causa: nell’ambito del programma «Mobile Aid», l’intero ricavato della rivendita e del riciclaggio è destinato all’organizzazione SOS Villaggi dei Bambini. È molto semplice: in oltre 100 negozi Swisscom sono disponibili cassette di raccolta per i dispositivi mobili non più utilizzati.

Nell’ambito di un altro programma di riutilizzo denominato «Refreshed», Swisscom vende smartphone usati e ricondizionati a basso costo e nel rispetto dell’ambiente. Inoltre, riparare è molto più ecologico che scartare o buttare via: i clienti di Swisscom possono restituire gli smartphone difettosi in tutti i negozi Swisscom. I dispositivi vengono poi riparati da tecnici certificati. Chi vuole disfarsi di dispositivi Swisscom che non gli servono più, come ad esempio gli Internet Box, può approfittare dell’offerta «Return» e rispedire gratuitamente gli apparecchi a Swisscom.

Partecipate e date una seconda vita ai vostri elettrodomestici!

Con le offerte di riutilizzo di Swisscom date un prezioso contributo all’economia circolare. Restituite subito il vostro vecchio cellulare e proteggete l’ambiente.

Per saperne di più cliccate qui.

Urban mining: offerte di lavoro per la Svizzera

Hätten Sie gewusst, dass sich mit alten Handys auch Stellen in der Schweiz schaffen lassen? Das Zauberwort lautet «Recycling». Statt immer noch mehr Rohstoffe für Smartphones in aller Welt abzubauen, lohnt es sich, die entsprechenden Ressourcen hierzulande in handwerklicher Arbeit zu erschliessen. So löscht etwa das Sozialunternehmen Réalise in Genf alle persönlichen Daten von Handys, die im Rahmen von «Mobile Aid» gespendet werden. RS Switzerland in Fribourg kümmert sich um den Verkauf funktionsfähiger Geräte. Die Recycling- Spezialisten von Solenthaler Recycling in Gossau verwerten schliesslich die Rohstoffe, die in den defekten Handys stecken.

_Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di Swisscom.

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Foto: Clearspace

Operazione pulizia

L’economia circolare sta decollando
Economia circolare

L’economia circolare sta decollando

Foto: PD

Lunga vita ai dispositivi mobili

Articoli simili

La mobilità verde inizia dalla progettazione delle auto
Cambiamento climatico

La mobilità verde inizia dalla progettazione delle auto

Uso di fibre naturali nella BMW M4 GT4: la casa automobilistica punta sulle strutture leggere bio ideate da Bcomp.
Economia circolare

Il piacere di guidare parte dall’innovazione

Materiali sostenibili nel settore automobilistico
Economia circolare

Materiali sostenibili nel settore automobilistico