Logo image
Foto: UBS

I requisiti per la rendicontazione della sostenibilità sono aumentati in modo massiccio. Per molte aziende non è facile mantenere una visione d'insieme. Foto: UBS

Economia Contenuto partner: UBS

Sustainability Reporting in Svizzera: Le PMI riprendono slancio

I rapporti di sostenibilità stanno diventando sempre più importanti. Nelle aziende non si tratta solo di un esercizio formale: la sostenibilità è un compito gestionale che riguarda anche le PMI. Infatti, anche per le aziende che non sono tenute a pubblicare rapporti di sostenibilità a causa delle loro dimensioni, la pressione sta crescendo. I proprietari e i clienti, in particolare, richiedono informazioni sulle questioni ambientali e sociali e sulla governance aziendale (ESG) come parte della garanzia di qualità della loro catena di fornitura. Le PMI affrontano queste sfide in modi molto diversi, come dimostra uno studio della ZHAW.

1

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Sustainability Reporting in Svizzera: Le PMI riprendono slancio

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

7 Min.  •   • 

"La tendenza a comunicare le performance non finanziarie oltre alle relazioni finanziarie continua senza sosta", spiega la prof.ssa Gabriela Nagel-Jungo della ZHAW School of Management and Law di Winterthur. Insieme al suo team e alla società di revisione Mazars, la direttrice dell'Istituto di gestione finanziaria ha pubblicato uno studio sulla sostenibilità nelle PMI svizzere. Lo sviluppo che descrive non è una coincidenza: le nuove leggi sollecitano l'azione. Negli ultimi anni, la frequenza di introduzione di legislazione in materia di rendicontazione della sostenibilità è aumentata in modo massiccio, in tutto il mondo: a livello globale, e in particolare in Europa, sono in corso intensi sforzi per sviluppare standard coerenti e comparabili per la rendicontazione della sostenibilità nella comunicazione dei mercati dei capitali. Nell'ambito del programma Green Deal, l'Unione Europea ha introdotto ampi requisiti di rendicontazione con la Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD).

Pressione dall'esterno

Anche la Svizzera ha seguito l'esempio: La Legge sul clima e sull’innovazione impone a tutte le aziende, senza eccezioni (comprese le PMI), di raggiungere le emissioni nette zero al più tardi entro il 2050 (Art. 5 cpv. 1). Gli obblighi di diligenza e di trasparenza relativi ai minerali e ai metalli provenienti da zone di conflitto e al lavoro minorile sono stati introdotti anche nella legislazione svizzera (Art. 964j e seguenti. Diritto delle obbligazioni). Anche le disposizioni del Diritto delle Obbligazioni svizzero sulla rendicontazione non finanziaria (Art. 964a e seguenti. Diritto delle obbligazioni) sono nuove. I relativi obblighi di diligenza e di trasparenza in materia ambientale, sociale, di lavoratori, di diritti umani e di lotta alla corruzione dovevano essere rispettati dalle aziende al di sopra di una certa dimensione (società di interesse pubblico con almeno 500 dipendenti a tempo pieno e 40 milioni di franchi svizzeri di fatturato o 20 milioni di franchi in totale di bilancio) per la prima volta per l'esercizio finanziario 2023 (cioè i primi rapporti nel 2024). Dal 1° gennaio 2024 dovranno essere soddisfatti anche requisiti più specifici di rendicontazione climatica (pubblicazione dei rapporti nel 2025).

Tuttavia, alla luce degli ultimi sviluppi nell'UE e dell'entrata in vigore della CSRD, le norme svizzere sulla rendicontazione non finanziaria sono già considerate superate. Il Consiglio federale ha quindi deciso di preparare un modello di procedura di consultazione entro la metà del 2024. Non è facile tenere traccia di tutto. Come affrontano le PMI il tema della sostenibilità?

Sondaggio tra aziende ed esperti

Questa domanda è stata indagata anche dagli autori dello studio ZHAW, a cui hanno partecipato 500 aziende svizzere del settore delle PMI. Sono state inoltre condotte dieci interviste con esperti del settore. Il docente della ZHAW Andreas Buchs, che ha lavorato allo studio, sottolinea un dato fondamentale: "In circa il 90% delle aziende intervistate, il management è sensibilmente impegnato a promuovere la sostenibilità, ma la maggior parte delle aziende si astiene dal redigere un rapporto di sostenibilità". Nonostante questa riluttanza, gli imprenditori e gli esperti concordano sul fatto che la rendicontazione della sostenibilità continuerà ad acquisire importanza per le PMI. Perché? Le aziende che non soddisfano i criteri del Diritto delle obbligazioni per la rendicontazione non finanziaria non sono interessate da questo provvedimento.

I clienti chiedono informazioni

Ci sono buone ragioni per cui le PMI devono gestire le questioni relative alla sostenibilità e poi riferire in merito all'esterno. In primo luogo, c'è la crescente pressione dall'esterno: anche se molte PMI svizzere non sono direttamente interessate dalle nuove normative nazionali e internazionali, possono comunque esserlo indirettamente. In qualità di fornitori di aziende che sono a loro volta soggette alla regolamentazione dell'UE, ad esempio, possono essere in ogni caso tenute a fornire informazioni sulla sostenibilità. In caso contrario, corrono il rischio di essere rimosse dall'elenco dei fornitori per non mettere a rischio le prestazioni di sostenibilità e la conformità dei clienti. Secondo lo studio, è probabile che in futuro ciò si verifichi sempre più spesso anche nell'assegnazione di appalti pubblici in Svizzera. Infine, anche il pubblico in generale è sempre più interessato alle informazioni sui rischi e sugli effetti delle attività commerciali di un'azienda sull'ambiente e sui suoi dipendenti. Dal punto di vista delle aziende, questa pressione può contribuire ad aumentare la loro appetibilità come datore di lavoro in tempi di carenza di manodopera qualificata. Le aziende che già redigono rapporti di sostenibilità o che hanno intenzione di farlo hanno citato principalmente un motivo intrinseco. La documentazione volontaria sulla sostenibilità intende contribuire a posizionare l'azienda come organizzazione responsabile sul mercato.

Mancanza di competenze e di personale

Alla domanda sulle sfide più importanti, emerge un quadro chiaro: innanzitutto, le aziende hanno difficoltà a compilare il materiale informativo e spesso non dispongono delle risorse umane necessarie. Non c'è quindi da stupirsi se più della metà delle aziende intervistate che stanno già facendo la rendicontazione o che intendono farla nel prossimo futuro si avvalgono o intendono avvalersi dell'aiuto di consulenti esterni.

Qual è il modo migliore per le PMI di procedere?

Prima le buone notizie: lo standard svizzero Swiss GAAP FER sta lavorando a una linea guida per le PMI per aiutare le aziende a implementare una gestione olistica della sostenibilità. Questo include anche la rendicontazione della sostenibilità.

Un supporto pratico è necessario anche in considerazione del mosaico di contenuti dei rapporti di sostenibilità svizzeri. Secondo lo studio della ZHAW, le aziende applicano un'ampia gamma di regolamenti. Se un'azienda segue uno standard o un quadro di riferimento, la maggior parte applica gli standard della Global Reporting Initiative (GRI) o è guidata dagli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). A parte questo, tuttavia, una percentuale significativa di aziende non redige la propria rendicontazione della sostenibilità in base a un regolamento particolare.

Stabilire nuovi processi

Oltre agli indicatori ecologici, per soddisfare i requisiti olistici dell'ESG, anche l’osservanza dei parametri di riferimento prevalentemente qualitativi per la corporate governance e le questioni sociali risulta essere impegnativa. Le PMI dovrebbero quindi innanzitutto istituire un sistema di gestione della sostenibilità, e solo in un secondo momento redigere un rapporto. In questo modo, proteggono anche i loro consigli di amministrazione e di gestione.

Rendere la creazione di valore più sostenibile

Classificazione a cura del Dr. Remo L. Häcki, Head Sustainability, Corporate & Institutional Clients, UBS Schweiz AG

Molte aziende svizzere hanno già integrato il principio della sostenibilità nella loro strategia. Stanno diventando più diversificate e attraenti, risparmiando energia, cambiando le fonti energetiche per le operazioni e i prodotti, ristrutturando gli edifici, accelerando i processi e riducendo il consumo di risorse attraverso il riciclaggio e la riprogettazione. Utilizzano anche il riorientamento tecnologico per migliorare la sicurezza informatica, ad esempio. Dato che il processo di trasformazione verso una gestione aziendale sostenibile è molto complesso, in questa sede vengono delineati solo alcuni compiti chiave:

Inventario

Il primo passo consiste nell'analizzare il modello di business in relazione alle questioni ambientali e sociali e alla relativa governance, al fine di conoscere la posizione dell'azienda. Le buone strutture di governance sono importanti perché assicurano l'impegno, garantiscono la qualità e fanno risparmiare tempo. Esistono molti strumenti utili per questa analisi, come esg2go, Energy Check-up, Cyber Security Check o UBS Marketplace.

Definizione di priorità e obiettivi strategici

Sulla base di un'analisi iniziale, il Consiglio di amministrazione, la Direzione generale e gli stakeholder possono stabilire le priorità di sostenibilità e definire gli obiettivi.

Integrazione nella catena del valore

Il processo di trasformazione è complesso e coinvolge tutti i soggetti interessati, in particolare dipendenti, clienti e fornitori. Si raccomanda di avvalersi di una consulenza specialistica esterna per integrare il principio della sostenibilità nella strategia e nelle funzioni dell'azienda, nonché per la necessaria pianificazione finanziaria e temporale.

Creazione e realizzazione di un piano d'azione e d'investimento

La pianificazione degli investimenti è allineata agli obiettivi, come la riduzione delle emissioni di CO2 in linea con l'obiettivo dello zero netto del governo federale entro il 2050. Ciò deve avvenire nel rispetto delle possibilità finanziarie. I criteri di sostenibilità fanno parte dei finanziamenti a breve, medio e lungo termine, ad esempio attraverso i Sustainability Linked Loans o i Green Loans.

Valutazione

Il successo di tutte le azioni deve essere misurato regolarmente in linea con la rendicontazione finanziaria e di sostenibilità. Su questa base, le attività vengono valutate e, se necessario, gli obiettivi vengono riadattati. Strumenti come Esg2go devono quindi diventare una routine.

Vantaggio di conoscenza attraverso le partnership

I partner si trovano lungo l'intera catena del valore, dai fornitori di materiali ai clienti finali, a seconda del settore. Il Know-how, le best practice e le innovazioni possono essere utilizzate in tutta la Svizzera e a livello internazionale attraverso il networking (UBS Roundtable, ad esempio).

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di UBS.

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

BCP Perspectives
Cambiamento climatico

Perché le aziende dovrebbero investire ora nella sostenibilità

Foto: SSF
Governance

Governance: il prerequisito per una maggiore sostenibilità

Trasparenza, cooperazione e apertura mentale: il banking sostenibile è un’opportunità strategica di crescita e mette le ali all’innovazione
Governance

Governance solida e collaborazione per cambiare

Articoli simili

Sul fronte della sostenibilità molte imprese sono in ritardo. I requisiti giuridici richiedono un management di ampio respiro e un reporting trasparente. FOTO: PEXELS
Management

Il nuovo Swiss Code aiuta le PMI

Gli ambiziosi obiettivi di sostenibilità possono essere raggiunti solo grazie alla cooperazione
Cambiamento climatico

Gli ambiziosi obiettivi di sostenibilità possono essere raggiunti solo grazie alla cooperazione

Foto: PD
Reporting

Rating di sostenibilità per le PMI