Logo image
Foto: UBS

Foto: UBS

Economia Contenuto partner: UBS

Come le istituzioni finanziarie contribuiscono alla realizzazione di immobili ecocompatibili

Gli edifici sono responsabili di oltre un terzo di tutte le emissioni di gas serra a livello mondiale. Tuttavia, i proprietari spesso non si sentono incentivati ad affrontare ristrutturazioni ad alta efficienza energetica. La buona notizia: l'industria finanziaria può aiutare il pensiero ecologico a fare un passo avanti nel settore immobiliare.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Come le istituzioni finanziarie contribuiscono alla realizzazione di immobili ecocompatibili

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

5 Min.  •   • 

L'edificio scolastico degli anni '70, l'edificio per uffici in vetro nello stile degli anni '80, la casa unifamiliare con standard degli anni '90: gli edifici vecchi di solito consumano molta energia, e occupano la maggior parte delle nostre città e dei nostri villaggi. Gli edifici sono responsabili del 37% di tutte le emissioni di gas serra a livello mondiale, come scrive l'UBS Sustainability and Impact Institute nel suo libro bianco "Bauen neu gedacht" (un nuovo approccio alla costruzione). La Svizzera non fa eccezione.

Nella sua strategia sul clima, il governo federale ha stabilito che le emissioni di gas serra in Svizzera saranno ridotte a zero entro il 2050. Tuttavia, la metà degli edifici attuali esisterà ancora in quella data. Rappresentano quindi un ostacolo considerevole sulla strada verso l'obiettivo. Tuttavia, gli edifici possono essere ristrutturati in modo sostenibile con misure strutturali. Tecnicamente, le misure di modernizzazione energetica come l'isolamento e la ventilazione non sono complicate, ma fanno piccoli miracoli. Gli immobili ristrutturati aumentano il loro valore, riducono i costi accessori e migliorano il comfort abitativo, a vantaggio dell'ambiente e della società.

Ristrutturare è più ecologico che costruire

Ad oggi, solo l'1% degli 1,8 milioni di edifici in Svizzera viene ristrutturato ogni anno. Gli esperti parlano di "arretrati di ristrutturazione". Per raggiungere l'obiettivo dello zero netto entro il 2050, il tasso deve almeno triplicare.

Tenendo conto dell'impronta di carbonio complessiva, le ristrutturazioni sono di solito più ecologiche dei nuovi edifici. Il libro bianco di UBS quantifica questo vantaggio: una ristrutturazione consente di risparmiare dal 50 al 75% dell'anidride carbonica prodotta da un edificio nuovo. Ma perché tanti vecchi edifici sono rimasti indietro, nonostante i vantaggi di una ristrutturazione ecologica siano evidenti?

Vantaggi a lungo termine sul mercato

Le ragioni sono complesse. Se i vecchi edifici vengono demoliti e sostituiti da nuovi, spesso possono essere commercializzati, venduti o affittati in modo più efficace. Molti proprietari si rendono conto che le ristrutturazioni richiedono inizialmente un investimento di capitale, spesso tuttavia non capiscono che questo crea anche un valore aggiunto finanziario. Mentre gli inquilini beneficiano immediatamente di vantaggi quali la riduzione dei costi accessori e il maggior comfort abitativo, l'aumento del valore dell'edificio si nota solo gradualmente. A lungo termine, gli edifici che non sono stati ristrutturati in modo efficiente dal punto di vista energetico potrebbero quindi rivelarsi dei "fondi di magazzino" sul mercato mercato degli affittuari e degli acquirenti.

L’eco-finanziamento deve recuperare terreno

I prestiti immobiliari sostenibili e i prestiti ipotecari, invece, hanno ancora margini di miglioramento. Secondo il libro bianco di UBS, la loro quota di mercato è solo dell'1,5%. Il potenziale è di conseguenza grande. La strada verso un'allocazione di capitale rispettosa dell'ambiente deve essere spianata con dati concreti e flussi informativi trasparenti.

"Le istituzioni finanziarie possono superare questi ostacoli concordando innanzitutto uno standard per dati uniformi sull'anidride carbonica", postula UBS nel libro bianco. L'obiettivo è arrivare a un parametro di riferimento rischio-beneficio per gli edifici ecologici. Gli attuali approcci alla valutazione degli immobili non riflettono ancora sufficientemente i rischi ambientali. Le stime del valore dell'edificio si basano spesso sui dati di mercato attuali. Ignorano il fatto che i governi inaspriscono costantemente le normative ambientali, e che anche gli edifici moderni avranno bisogno di "aggiornamenti" in futuro. Tuttavia, già oggi alcuni modelli consentono di includere nelle valutazioni i flussi di cassa futuri e di tenere conto dei rischi ambientali.

Il settore finanziario: un catalizzatore del cambiamento?

Le banche operano in ecosistemi con vari partner e fornitori di servizi. In Svizzera, ad esempio, UBS ha lanciato un calcolatore di ristrutturazione online con il fornitore indipendente di servizi immobiliari Wüest Partner. In pochi passi è possibile determinare i vantaggi di una ristrutturazione e il budget necessario. Inoltre, le istituzioni finanziarie possono incoraggiare i partenariati pubblico-privato per aiutare i progetti visionari a raggiungere una svolta. Infine, le istituzioni finanziarie possono contribuire a rendere comparabili i prestiti immobiliari sostenibili nei diversi Paesi e a promuovere la standardizzazione. Il Carbon Risk Real Estate Monitor (CRREM) è uno strumento utile per il settore immobiliare. Aiuta a valutare gli edifici in vista del percorso di decarbonizzazione in conformità con gli obiettivi climatici di Parigi.

Le banche possono inoltre promuovere un cambiamento sostenibile gestendo i portafogli immobiliari delle loro attività di investimento in modo rispettoso dell'ambiente, contribuendo a un migliore finanziamento e migliorando la catena del valore nel settore delle costruzioni.

I criteri ESG (l'abbreviazione sta per Environment, Social, Governance) sono ampiamente utilizzati nel settore degli investimenti. Questo vale anche per il settore immobiliare: ad esempio, UBS ha ampliato la politica e gli obiettivi di investimento dei suoi fondi immobiliari nel 2022, e ha fissato obiettivi di sostenibilità vincolanti. Questi obiettivi comprendono la riduzione dei gas serra e dell'intensità energetica degli edifici, l'aumento della quota di energia rinnovabile sul consumo totale, l'ulteriore miglioramento della banca dati e la promozione della certificazione di sostenibilità degli edifici. Per ogni portafoglio è stato creato un percorso di riduzione, che misura i progressi verso la neutralità climatica e aiuta come strumento di pianificazione. I risultati attuali dei calcoli del percorso di riduzione mostrano che i prodotti di investimento immobiliare sono sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi intermedi relativi all'Accordo sul clima di Parigi nel 2030 nonché un funzionamento neutrale dal punto di vista delle emissioni di CO₂ entro il 2050. Nell'estate del 2023, UBS Asset Management ha inoltre sottoscritto la "Carta per l'edilizia circolare" in qualità di membro fondatore, al fine di ridurre le emissioni sia in fase di costruzione che di esercizio.

Spunti di riflessione per un'economia d'impatto

L'UBS Sustainability and Impact Institute è stato fondato due anni fa per fornire un contributo pratico e basato sui fatti al dibattito sulla sostenibilità. L'Istituto è concepito come un think tank all'interno della banca, in cui gli esperti di sostenibilità delle varie aree aziendali possono scambiarsi idee. Il libro bianco "Bauen neu gedacht – Das Fundament für zukünftiges Bauen" (un nuovo approccio alla costruzione, basi per l’edilizia futura) tratta le sfide energetiche del patrimonio edilizio mondiale ed è disponibile gratuitamente in formato PDF.

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di UBS.

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Molti di noi investono già in modo più sostenibile di quanto si pensi
Biodiversità

Molti di noi investono già in modo più sostenibile di quanto si pensi

Foto: UBS

Investire nella transizione verso una maggiore sostenibilità: ciò che conta

Foto: UBS
Uguaglianza

Le donne preferiscono gli investimenti ESG

Articoli simili

Foto: SSF
Governance

Governance: il prerequisito per una maggiore sostenibilità

Foto: Istock
Management

«Essere sostenibili significa anche pensare in termini economici»

Foto: UBS
Management

Trasparenza climatica made in Switzerland