Logo image
Foto: PD
Economia Contenuto partner: UBS

Rating di sostenibilità per le PMI

Con esg2go, le piccole e medie imprese possono creare un rapporto di sostenibilità automatizzato in pochi passi. Questo strumento online consente una valutazione affidabile della situazione aziendale, e molto altro.

Layer 1 Layer 1

0

Logo image

Rating di sostenibilità per le PMI

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

7 Min.  •   • 

Le aziende non possono fare molta strada se si limitano a promuovere la propria sostenibilità a parole. Le nuove condizioni legali quadro richiedono infatti rapporti di sostenibilità, secondo il motto «fidarsi è bene, controllare è meglio». In Svizzera, ad esempio, alle aziende più grandi si applica la controproposta indiretta all'iniziativa di responsabilità d’impresa. Per l'anno in corso, tali imprese devono presentare per la prima volta un rapporto su come si stanno comportando in aree quali l'ambiente, gli affari sociali, i diritti dei lavoratori e i diritti umani, nonché su come misurano i loro sforzi in materia. Il Consiglio federale intende inasprire le regole del gioco, mentre nell'UE l'estensione dell'obbligo di rendicontazione entro il 2024 è già stata decisa. Anche se le normative non sono ancora direttamente rivolte alle PMI, hanno comunque un impatto sulle catene di approvvigionamento. Dai propri fornitori, che spesso sono PMI svizzere, i grandi clienti esigono rapporti di sostenibilità riconosciuti. I fornitori che non sono in grado di presentarli devono aspettarsi di perdere le commesse e di essere esclusi dai bandi di concorso.

Un rating significativo

Per quanto le PMI si impegnino per la sostenibilità, il contesto normativo rappresenta per loro una vera e propria sfida. Da un lato, c'è l'imbarazzo della scelta tra strumenti di rating e di reporting molto diversi tra loro. D'altra parte, la rendicontazione estesa è un ostacolo burocratico considerevole per molte PMI che dispongono di scarse risorse. esg2go semplifica enormemente questo compito mastodontico: con questo pratico strumento, le aziende con quattro e più dipendenti possono ottenere un rating di sostenibilità significativo con pochi clic del mouse. Lo strumento online è stato creato dal Center for Corporate Responsibility and Sustainability (CCRS), associato alla Scuola Universitaria di economia di Friburgo, in collaborazione con le PMI e con il supporto di partner rinomati come UBS.

L'abbreviazione ESG che costituisce il nome esg2go si riferisce alla sostenibilità o allo sviluppo sostenibile nelle tre dimensioni di Environment (ambiente), Social (temi sociali) e Governance (gestione aziendale). La piattaforma, semplice e veloce da usare, consente alle PMI di valutare la propria situazione a livello quantitativo e misura i rischi cui ogni azienda è esposta nei tre ambiti ESG. Vengono presi in considerazione dati finanziari e non finanziari, sia in termini di impronta ecologica (ossia come viene influenzato l'ambiente), sia in termini di contributo alla sostenibilità da parte delle PMI stesse. Le informazioni vengono controllate automaticamente al fine di verificarne la plausibilità e poi confluiscono in un rapporto di rating.

Un solido benchmarking

Le PMI possono inoltre richiedere il proprio label esg2go, una sorta di sigillo di qualità a garanzia della correttezza dei dati registrati nello strumento, che viene assegnato dall'Associazione svizzera per sistemi di qualità e di gestione (SQS) dopo un processo di verifica in più fasi. Si tratta di un «solido benchmarking che rende le prestazioni di sostenibilità specifiche del settore quantitativamente misurabili e comparabili», spiega SQS sul proprio sito web. «Integra gli standard internazionali di rendicontazione, con un risparmio nei costi di transazione». Tali standard includono, ad esempio, il GRI (Global Reporting Initiative), la tassonomia dell'UE o il DNK (Codice di sostenibilità tedesco). esg2go è sul mercato da un anno. Lo strumento online è supportato, tra gli altri sostenitori, da UBS, che sottolinea così il proprio impegno per lo sviluppo sostenibile dell'economia e della società. Per conto di UBS sono state intervistate aziende di un'ampia gamma di settori: Quali esperienze hanno avuto finora con esg2go? Alcune risposte sono riportate qui.

«Non sono necessari dati finanziari»

Adams - Andreas Roos.jpg

Andreas Roos, Responsabile Vendite e Marketing, ADAMS Schweiz AG

«In qualità di produttori di attrezzature per centrali idroelettriche, siamo sempre in contatto con le tematiche di sostenibilità. Inoltre, le rigide condizioni quadro hanno un impatto sempre maggiore sulle catene di approvvigionamento. In quanto azienda attiva a livello internazionale, è importante per noi assicurarci l'accesso al mercato tramite un reporting di sostenibilità riconosciuto. È un bene che esg2go ha riconosciuto in tempo utile che è possibile effettuare un reporting anche senza dover fornire informazioni sull'andamento finanziario dell'attività. Le imprese gestite dai proprietari o a conduzione familiare sono molto restie a pubblicare le cifre chiave dell'attività. Esistono sinergie vantaggiose tra il nostro sistema di gestione certificato ISO9001/14001/45001 ed esg2go».

«Supporto per le certificazioni»

Reinhart - Philippe Saner_1.jpg

Philippe Saner, Head of Business Development, Paul Reinhart AG

«L'azienda a conduzione familiare Paul Reinhart AG, fondata 235 anni fa, è il maggior fornitore di cotone biologico al mondo. Promuove, tra le altre cose, progetti di coltivazione più sostenibili nell'Africa subsahariana. Nell'ambito delle certificazioni per il cotone, organi indipendenti verificano anche la sostenibilità delle aziende coinvolte nella catena degli approvvigionamenti. esg2go ci supporta nell'implementazione dei loro requisiti. A seconda della certificazione, hanno rilevanza diversi aspetti, ad esempio la formazione continua dei collaboratori su argomenti cruciali per la sicurezza. Quest'anno, per la prima volta, rendicontiamo il nostro rating ESG e possiamo essere molto orgogliosi della nostra performance come PMI svizzera. Continueremo a utilizzare esg2go per analizzare e ponderare la nostra sostenibilità».

«Equilibrio tra sforzi e rendimento»

Aeschbacher - Aeschbacher_Thomas.png

Thomas Aeschbacher, Amministratore delegato, Aeschbacher AG

«Da oltre 140 anni, la nostra azienda a conduzione familiare pensa a lungo termine. E da tempo abbiamo ottenuto la certificazione di alcuni prodotti con il marchio di qualità FSC. Tuttavia, poiché questo standard è definito in modo molto puntuale, eravamo alla ricerca di una soluzione più completa, e l'abbiamo trovata in esg2go. Con esg2go, possiamo comunicare i nostri sforzi per la sostenibilità in modo strutturato e confrontarci con altre aziende. Abbiamo trovato un giusto compromesso tra sforzi e rendimento. E i nostri clienti riconoscono questo label. Già nel primo anno, il nostro rating era soddisfacente, ma ora possiamo migliorare ulteriormente».

«Ideale per determinare la situazione aziendale»

Tophinke_Daniel Berger.png

Daniel Berger, Direttore di Divisione, Tophinke Automation & Gebäudetechnik AG

«Per noi la sostenibilità non è semplicemente un progetto, bensì un processo senza scadenza. Vogliamo ancorarla al nostro modo di pensare e alle nostre azioni. Per questo motivo, abbiamo puntato su una valutazione interna della situazione aziendale, senza la necessità di ottenere una certificazione. Ed esg2go è perfetto per questo scopo. Abbiamo ricevuto un rating senza che ne derivasse alcun obbligo. Per esg2go abbiamo dovuto fare alcuni accertamenti, ma lo sforzo è stato gestibile. Speriamo di riuscire a ridurlo ulteriormente quando si tratterà solamente di aggiornare il nostro rating. esg2go ci ha mostrato il nostro potenziale e in quale ambito siamo ben posizionati».

«Realizzato in poche ore»

Wegmueller - Marc Wegmueller.jpg

Marc Wegmüller, Presidente del Consiglio di Amministrazione, Wegmüller AG

«In qualità di più antichi produttori di imballaggi in legno e cartone ondulato, abbiamo sempre lavorato materie prime naturali, e lo facciamo nel rispetto delle risorse. Attualmente, molte aziende vogliono utilizzare imballaggi più ecologici. Ad esempio, sostituiamo molti inserti in gommapiuma con cartone ondulato riciclabile. La maggior parte dei rapporti di sostenibilità è troppo dispendiosa per noi. Ma esg2go si adatta molto bene a un “bottega” come la nostra. Abbiamo completato il rilevamento in un paio d'ore, e siamo rimasti sorpresi da quanto siamo in linea con il resto del settore. Allo stesso tempo, il reporting ci ha indicato elementi che prima non erano sul nostro radar».

«Ampio supporto»

Dolder<em>Stefan Aerni</em>2.jpg

Stefan Aerni, Quality Manager, Dolder Hotel AG

«La sostenibilità fa parte della nostra strategia e valutiamo i nostri dirigenti in base ad essa. Per gestire i nostri sforzi in modo sistematico, oltre al sistema di gestione della qualità certificato ISO-9001:2015, abbiamo introdotto un sistema di gestione della sostenibilità certificato secondo gli standard aziendali EarthCheck. Ma la maggior parte dei nostri sforzi non dovrebbe essere rivolta alla rendicontazione, bensì all'azione. Lo standard esg2go ha una base scientifica ed è ampiamente sostenuto da associazioni e aziende. Ci aspettiamo che il progetto pilota ci mostri il nostro margine di miglioramento e ci permetta di effettuare un confronto con le altre aziende del settore».

Sostenibilità nel futuro

Con esg2go, le PMI hanno a disposizione uno strumento online con cui possono misurare e valutare la propria sostenibilità. Questo sistema le supporta nel conformarsi ai requisiti normativi e serve come prova di sostenibilità. esg2go include un sistema di rating e di reporting.

Maggiori informazioni

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di UBS.

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Altri articoli

Trasparenza, cooperazione e apertura mentale: il banking sostenibile è un’opportunità strategica di crescita e mette le ali all’innovazione
Governance

Governance solida e collaborazione per cambiare

Foto: SSF
Governance

Governance: il prerequisito per una maggiore sostenibilità

Sul fronte della sostenibilità molte imprese sono in ritardo. I requisiti giuridici richiedono un management di ampio respiro e un reporting trasparente. FOTO: PEXELS
Management

Il nuovo Swiss Code aiuta le PMI