Logo image
Foto: SSF

Dialogo tra esperti: sessione tematica di UBS al Sustainable Switzerland Forum di quest'anno. Foto: SSF

Economia Contenuto partner: UBS

Governance: il prerequisito per una maggiore sostenibilità

L'abbreviazione ESG (Environment (ambiente), Sociale e Governance) sta tenendo il mondo delle imprese con il fiato sospeso. Nonostante sia un fattore chiave per una maggiore sostenibilità, in molti luoghi la governance non riceve ancora sufficiente attenzione. Almeno questa è la conclusione degli imprenditori che abbiamo intervistato.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Governance: il prerequisito per una maggiore sostenibilità

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

7 Min.  •   • 

Come possiamo ottenere un'inversione di tendenza sostenibile? Questa domanda è nella mente delle aziende di tutti i settori, almeno da quando nel 2015 le Nazioni Unite hanno adottato l'Agenda 2030 con 17 obiettivi di sviluppo sostenibile. Oltre ai principali dati finanziari, come il rendimento, il rischio e la liquidità, un numero sempre maggiore di investitori presta più attenzione ai criteri ESG. Gli indicatori che si sono maggiormente affermati finora sono stati quelli relativi all'ambiente, ad esempio la riduzione delle emissioni di CO2. Tuttavia, anche le tematiche sociali stanno acquistando importanza. «La governance è il punto focale delle aziende che hanno già fatto progressi in termini di sostenibilità», afferma Remo Häcki, Head Sustainability, Corporate & Institutional Clients di UBS Svizzera. La governance comprende i principi della gestione aziendale. Inizia con la gestione aziendale e si estende ai meccanismi di controllo di un'azienda. «Diversi studi dimostrano che la governance è un fattore chiave per il successo di un'azienda», afferma Häcki: «Non solo costituisce il prerequisito affinché un'azienda possa affrontare efficacemente le problematiche ambientali e sociali, ma caratterizza anche la gestione e la cultura aziendale».

Dialogo costante con le aziende

Nella frenesia della vita quotidiana, tuttavia, le aziende più piccole sono spesso assorbite da altri compiti, per cui prestano minore attenzione alle questioni di governance. «D’altro canto, i proprietari possono esercitare una maggiore influenza su tali aziende e, dialogando con i clienti, lavoriamo insieme per scoprire come aumentare l'impatto delle tematiche ESG», afferma Häcki. A volte, risulta utile far incontrare le aziende con altre imprese che hanno già superato una sfida simile. Ad esempio, con aziende come la Semadeni Plastics Group, la start-up di tecnologia alimentare Yeastup o con un investitore come Donat Matthews. «Il dialogo costante con le aziende è per noi una questione fondamentale. Si tratta sempre di temi concreti e mai di ideologia». Ogni azienda è diversa, ciascun settore ha le proprie caratteristiche e velocità. In questo modo, UBS si impegna a collaborare con i suoi clienti aziendali all'interno delle catene del valore per promuovere una maggiore sostenibilità in Svizzera: dalla consulenza alla pianificazione degli investimenti, dal finanziamento alla misurazione del successo.

La sostenibilità è possibile in tutti i settori

Il 12 settembre 2023 a Berna, in una sessione di approfondimento del Sustainable Switzerland Forum, Remo Häcki ha discusso varie questioni di governance da diverse prospettive insieme a Patrick Semadeni, CEO di Semadeni Plastics Group, Urs Briner, cofondatore e CFO di Yeastup, e Donat Matthews, imprenditore e investitore. «Oggi ci si aspetta che le aziende facciano affari in modo da apportare benefici alla società senza mettere a repentaglio i nostri mezzi di sostentamento», afferma Patrick Semadeni, che ricopre anche il ruolo di responsabile della sostenibilità presso KUNSTSTOFF.swiss, l'associazione svizzera dell'industria delle materie plastiche. Oggi la sua azienda dimostra come sia possibile lavorare in maniera responsabile anche in settori ecologicamente sensibili. Nel frattempo, Urs Briner è cofondatore e direttore finanziario di Yeastup, una start-up di tecnologia alimentare sostenibile che si concentra sull'economia circolare. L'idea? Yeastup converte il lievito in eccesso dei birrifici in proteine e fibre alimentari di elevata qualità. «Tuttavia, non aspettiamo l'elemosina della società, ma vogliamo fare profitti. Sono necessari modelli di business intelligenti per far sì che ecologia ed economia vadano di pari passo»sottolinea Briner. Donat Matthews incrementa la dose e afferma: «Il denaro fa girare il mondo». Partecipa nel ruolo di investitore a diversi consigli di amministrazione e si concentra soprattutto su aziende che integrano la sostenibilità direttamente nel loro core business, come ad esempio le soluzioni per la densificazione degli alloggi. Per Matthews sostenibilità significa che una decisione deve consentire all'azienda di raggiungere il successo finanziario nel lungo periodo, a beneficio dei dipendenti e delle loro famiglie. A tale scopo, occorre tenere in considerazione molto di più del profitto a breve termine di un investitore.

«Le imprese innovative svizzere dipendono dai finanziamenti iniziali. Attualmente il capitale di rischio disponibile è insufficiente.»

Quali sono i maggiori ostacoli nel percorso verso una maggiore sostenibilità? La complessità dell'ESG viene citata dagli esperti come una sfida. «Dobbiamo inserire le singole misure, come il passaggio all'illuminazione a LED a risparmio energetico, in una strategia coerente e globale. Altrimenti l'effetto rischia di svanire», dice ad esempio Semadeni. Tuttavia, la sostenibilità non è un compito una tantum che può essere completato e spuntato, richiede una nuova mentalità imprenditoriale. «Quando tutto va bene, è comodo accontentarsi dello status quo. Ma sostenibilità significa mettere di continuo in discussione questo aspetto, migliorare costantemente le prestazioni di sostenibilità e uscire spesso dalla zona di comfort», afferma Semadeni.

Alla ricerca di maggiore capitale di rischio

Urs Briner invita inoltre a un cambiamento di mentalità a livello sociale. È necessario comprendere che la riduzione del consumo di carne, ad esempio, non è un trend di stile di vita, ma un modo per ritrovare un equilibrio naturale. «Le imprese innovative svizzere dipendono dai finanziamenti iniziali. Attualmente il capitale di rischio disponibile è insufficiente», critica Briner. «Se la società è seriamente intenzionata a una trasformazione sostenibile, ha bisogno di istituzioni che la sostengano». Non esiste una ricetta unica per garantire che i principi di sostenibilità si diffondano lungo l'intera catena del valore, ma esistono alcune buone pratiche. Ad esempio, Matthews è passato rapidamente da produttori di tessuti e mobili cinesi a quelli europei. «E per favore, nei consigli di amministrazione e nelle riunioni della direzione, prima di tutte le altre tematiche parlate dei clienti perché è da loro che viene il denaro», aggiunge. Semadeni Plastics Group, invece, ha redatto un Codice di Condotta. «Ci aspettiamo che anche i nostri fornitori vi si adeguino e monitoriamo la situazione con i nostri partner più importanti», spiega Semadeni. Yeastup stipula contratti a lunghissimo termine se sono strategicamente significativi. Ad esempio, la start-up ha firmato un contratto di fornitura decennale di lievito di birra con una grande azienda di logistica. «I contratti equilibrati portano a una situazione vantaggiosa per tutti. I partner possono sviluppare insieme soluzioni sostenibili. E se i risultati sono positivi, i fornitori partecipano direttamente al nostro successo», spiega Briner. Yeastup sottopone regolarmente i propri prodotti a un'analisi del ciclo di vita che riflette l'impronta ecologica e indica un ulteriore potenziale di ottimizzazione. «Ma il successo più grande per noi è sapere di aver reso felici i consumatori con i nostri prodotti», sorride Briner.

Le azioni sono più importanti delle belle parole

Gli esperti concordano sul fatto che la sostenibilità non è gratuita. «In alcune circostanze, l'EBIT di un'azienda sostenibile è inferiore perché molti costi ambientali sono ancora esternalizzati. Anche le banche dovrebbero capirlo», sottolinea Semadeni. Ad esempio, le compensazioni per le emissioni di gas serra inevitabili rappresentano una chiara spesa aggiuntiva che ha un impatto sul risultato economico. Briner elogia il Fondo per le tecnologie, che concede garanzie alle imprese svizzere innovative. Allo stesso tempo, critica il fatto che un fatturato di 100.000 franchi sia una soglia elevata per le start-up. Matthews invita i terzi a dar man forte a un'azienda «più a lungo e con tolleranza», anche se si deve sopportare un periodo di magra prolungato. «Fai del bene e parlane» è un motto che Semadeni Plastics Group e Yeastup rispettano. «La nostra gestione della sostenibilità è un punto focale della nostra comunicazione», ammettono Semadeni e Briner. Tuttavia, è almeno altrettanto fondamentale che i vantaggi del prodotto siano convincenti. Per Matthews, le azioni sono comunque più importanti delle parole. Ritiene che sia controproducente per le aziende presentarsi semplicemente come ecologiche. «Non voglio vedere etichette ESG colorate, ma piuttosto desidero che le aziende risolvano i grandi problemi pregressi o che compiano alcune piccole azioni in modo sistematico e corretto per innumerevoli volte», afferma l'investitore. È chiaro a tutti i partecipanti alla discussione che, sebbene la sostenibilità richieda uno sforzo, nel lungo periodo ripaga tutti: l'azienda, tutti gli stakeholder, la società e l'ambiente.

Primi passi verso una cultura aziendale sostenibile

  • Se un'azienda vuole operare in modo coerentemente sostenibile, la tematica deve essere ancorata alla sua strategia e portata avanti al più alto livello aziendale.
  • Solo una governance forte, con regole e processi consolidati e spazio per il pragmatismo, può garantire che la sostenibilità di un'azienda continui a migliorare.
  • La sostenibilità si spinge oltre i limiti: oltre ai clienti e ai dipendenti, anche i fornitori e gli altri attori sociali devono essere coinvolti negli sforzi dell'azienda.

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di UBS.

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Molti di noi investono già in modo più sostenibile di quanto si pensi
Biodiversità

Molti di noi investono già in modo più sostenibile di quanto si pensi

Foto: UBS
Costruzioni e abitazioni

Come le istituzioni finanziarie contribuiscono alla realizzazione di immobili ecocompatibili

Trasparenza, cooperazione e apertura mentale: il banking sostenibile è un’opportunità strategica di crescita e mette le ali all’innovazione
Governance

Governance solida e collaborazione per cambiare

Articoli simili

Foto: UBS
Reporting

Sustainability Reporting in Svizzera: Le PMI riprendono slancio

Sul fronte della sostenibilità molte imprese sono in ritardo. I requisiti giuridici richiedono un management di ampio respiro e un reporting trasparente. FOTO: PEXELS
Management

Il nuovo Swiss Code aiuta le PMI

Foto: PD
Reporting

Rating di sostenibilità per le PMI