Logo image
«Lo spreco di energia non è più un reato banale»

«TBH è riuscita a realizzare pienamente gli obiettivi energetici calcolati teoricamente in fase di progettazione» afferma il proprietario del ristorante Heinz Reitbauer a proposito della conversione e dell’ampliamento. Foto: Cathrine Stukhard

Spazi vitali Contenuto partner: BKW

«Lo spreco di energia non è più un reato banale»

La locanda austriaca «Steirereck am Pogusch» è completamente orientata alla sostenibilità, anche grazie alla collaborazione con BKW. Il ristoratore Heinz Reitbauer parla dell’idea alla base del progetto e delle varie misure che costituiscono il concetto energetico davvero unico della locanda.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

«Lo spreco di energia non è più un reato banale»

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

5 Min.  •   • 

Insieme a sua moglie, gestisce la locanda «Steirereck am Pogusch», completamente orientata alla sostenibilità. Quando ha avuto l’idea di questo progetto?

Heinz Reitbauer: In famiglia, abbiamo iniziato a pensare al futuro della nostra attività circa otto anni fa. Il complesso sul Pogusch in Stiria è di proprietà della famiglia dal 1992. Fino all’anno scorso, lo gestivano ancora i miei genitori, mentre io e mia moglie ci occupavamo dei nostri due ristoranti Meierei e Steirereck a Vienna. Quando è diventato evidente che i miei genitori si sarebbero ritirati entro breve, abbiamo iniziato a pensare per tempo a come portare avanti la nostra locanda e hotel come attività familiare.

Da quali idee ha tratto ispirazione?

Volevamo seguire lo stesso approccio delle nostre attività a Vienna. Ossia: rispetto del cibo e delle piante, sostenibilità ed economia circolare in tutti i settori. Naturalmente, questo includeva anche l’energia proveniente da fonti sostenibili, un aspetto molto importante per noi, poiché lo spreco di energia non è più un reato banale, a mio avviso. Così facendo, ci siamo prefissati di mettere in pratica questi obiettivi senza che noi e gli ospiti dovessimo rinunciare a qualcosa. Sulla base di queste considerazioni, abbiamo indetto un concorso architettonico internazionale e comunicato le nostre idee e visioni ai partecipanti. Avevo persino costruito io stesso un modello. Se non mi fossi dedicato al settore dell’ospitalità con il cuore e l’anima, sarei stato molto interessato all’architettura come alternativa. I team di architetti furono incaricati di ripensare le nostre idee in termini di architettura ed energia.

Heinz Reitbauer, ristoratore dello «Steirereck am Pogusch».

Fonte: Foto: Lukas Kirchgasser

Heinz Reitbauer, ristoratore dello «Steirereck am Pogusch».

Chi vinse il concorso per questo progetto?

TBH Ingenieur GmbH di Graz, una società del Gruppo BKW, faceva parte del team di architetti che si era classificato al secondo posto nel concorso. Tuttavia, la soluzione per il sistema energetico e i servizi dell’edificio fornita da TBH ci convinse a tal punto che affidammo la pianificazione del progetto al team vincitore PPAG e l’implementazione strutturale al secondo classificato. Di conseguenza, abbiamo potuto contare sia sui servizi di TBH che sul know-how di BKW.

Come si è svolta la fase di conversione ed ampliamento che ha avuto luogo durante la pandemia?

I lavori di costruzione sono iniziati alla fine del 2019. Il progetto comprendeva la ristrutturazione di edifici esistenti e nuove costruzioni. In totale, sono stati rimossi circa 600 camion pieni di materiale di scavo. Ovviamente, ci sono stati lievi ritardi a causa delle misure della pandemia, ma siamo stati in grado di aprire la nostra nuova locanda in più fasi dalla metà del 2021. È pienamente operativa dalla fine del 2021.

Cosa rende il progetto «Steirereck am Pogusch» così speciale?

Tutto è trasparente e visibile. Per esempio, gli ospiti possono andare dappertutto, anche in cucina, per vedere cosa vi facciamo. Inoltre, abbiamo creato una biodiversità vegetale che non ha eguali. In totale, coltiviamo più di 400 tipi di piante commestibili, che utilizziamo in cucina per la preparazione delle pietanze. Molte delle piante crescono in serre di vetro integrate nell’edificio, attraverso le quali la luce penetra negli spazi interni. La temperatura degli ambienti è funzionale alle piante, per questo motivo può essere piuttosto fresca anche in inverno negli spazi di fronte alle cabine. Il clima interno è caratterizzato dagli odori e dai profumi delle piante e dall’umidità dell’aria. I nostri ospiti dormono in grotte calde, per così dire, in una serra.

Oltre alla sostenibilità, persegue uno scopo particolare con il suo hotel?

Sì, vogliamo dimostrare come l’agricoltura possa essere arricchita integrando natura, persone e tradizioni nel nostro concetto ­gastronomico. Solo così l’intero progetto e quindi l’offerta diventano sostenibili anche in termini di turismo. Vogliamo creare un paesaggio ­vivibile, rendendo gli habitat sostenibili.

Qual è stato il contributo di TBH Ingenieur GmbH?

In questo progetto, TBH ha si è occupata l’intero settore dell’ingegneria edile ed elettrica: dal concetto energetico, alla pianificazione del progetto, alla supervisione della costruzione fino alla consegna. L’attenzione era sempre rivolta alla sostenibilità e all’economia circolare. Nel nostro ristorante e hotel Steirer­eck am Pogusch, ogni risorsa viene integrata e messa a frutto. In particolare, TBH è riuscita a trasformare in realtà gli obiettivi energetici elaborati teoricamente nella pianificazione. Il nostro concetto energetico è già stato premiato da «Stadt der Zukunft». Sin dall’inizio, abbiamo percepito quanto il nostro progetto stava a cuore anche al personale di TBH.

Quali misure energetiche specifiche sono state implementate da TBH Ingenieur GmbH?

Nella nostra azienda in Stiria, TBH ha creato una rete energetica ibrida unica nel suo genere, grazie a diverse misure energetiche ed ecologiche. Ad esempio, ci affidiamo completamente all’energia solare. Naturalmente, questo richiede anche un sistema per immagazzinare l’energia. Inoltre, vengono utilizzati il calore di scarico e il calore della cucina. E le serre di vetro con le piante servono anche come serbatoi di calore. Abbiamo rinunciato all’aria condizionata. L’elettricità autogenerata può essere utilizzata per ricaricare le auto elettriche della nostra azienda e dei nostri ospiti.

In relazione alla sua attività, le persone amano parlare di un hotel auto­sufficiente. Riesce davvero coprire il fabbisogno energetico totale?

Per quanto riguarda il calore, è proprio così. Siamo indipendenti al 100% in questo senso. Non abbiamo ancora raggiunto un tal livello per quel che riguarda l’energia: attualmente siamo autosufficienti per circa il 25%. Ma vogliamo aumentare ancora di più questo valore.

TBH di BKW

TBH Ingenieur GmbH di Graz – una società del Gruppo BKW – è stata coinvolta in modo signifi-cativo nella progettazione di un hotel e ristorante quasi autonomo dal punto di vista energetico in Stiria (vedi intervista). Si è occupata del riscaldamento, del raffreddamento, della ventila-zione, dell’impianto idraulico e dell’elettricità. In qualità di azienda specialista con oltre 25 anni di esperienza nel campo della tecnologia edilizia ed energetica, TBH Ingenieur GmbH offre ai suoi clienti un pacchetto di servizi completo, tutto da un’unica fonte: dalla consulenza e dall’analisi del progetto a un’ampia gamma di

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

https://pixabay.com/photos/tools-knives-wrenches-drills-1845426/
Costruzioni e abitazioni

Economia circolarePrestare oggetti e non buttarli per combattere lo spreco

«Less is more», anche nell’edilizia
Cambiamento climatico

«Less is more», anche nell’edilizia

Gestire correttamente i flussi di energia e ridurre i costi
Costruzioni e abitazioni

Gestire correttamente i flussi di energia e ridurre i costi

Articoli simili

https://pixabay.com/photos/dry-arid-yellow-nature-landscape-856544/
Cambiamento climatico

Se il 2024 fosse ancora più caldo

Città verde
Costruzioni e abitazioni

Progettazione, urbanistica, mobilità

«Gli edifici divoratori di energia non sono più accettabili»
Costruzioni e abitazioni

«Gli edifici divoratori di energia non sono più accettabili»