Logo image
Foto: BKW / Daniel Hager

La centrale solare ed eolica di BKW sul Mont-Soleil, nel Giura bernese. È possibile visitare l'impianto per la produzione di energia rinnovabile. Foto: BKW / Daniel Hager

Spazi vitali Contenuto partner: BKW

«La transizione energetica riguarda tutti»

Passare a un approvvigionamento energetico sostenibile è un compito di cui sono responsabili sia i privati che le autorità pubbliche e le aziende. Ne è convinta Margarita Aleksieva, responsabile della Business Unit Wind and Solar di BKW. Per raggiungere gli obiettivi energetici del 2050, tutte le parti coinvolte devono essere disposte a scendere a compromessi.

2

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

«La transizione energetica riguarda tutti»

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

6 Min.  •   • 

La "Strategia energetica 2050" della Svizzera invia un chiaro segnale a favore dell'espansione delle energie rinnovabili: entro il 2050, l'approvvigionamento energetico dovrebbe essere al 100% rinnovabile. È realistico? Dove vede le maggiori sfide?

Margarita Aleksieva: Gli obiettivi della Strategia energetica 2050 sono ambiziosi, ma ancora raggiungibili. La Svizzera è attualmente in ritardo rispetto ai Paesi vicini per quanto riguarda la produzione di energia eolica e solare e l'espansione degli impianti di energia rinnovabile in generale. Un esempio lampante delle sfide che stiamo affrontando in Svizzera è il parco eolico di Tramelan, nel Giura bernese, che stiamo progettando dal 2008. Con una capacità installata totale di 12 megawatt, le sei turbine eoliche dovrebbero produrre circa 26 gigawattora di elettricità rinnovabile all'anno. Ciò corrisponde al consumo annuale di elettricità di circa 6000 economie domestiche.

Tuttavia, il progetto si è trascinato a lungo.

Sì, si può dire così. Ci sono voluti 15 anni per ottenere il via libera alla costruzione, dopo un processo di approvazione molto lungo e complesso, in seguito alla decisione di un tribunale federale.

Anche i reclami, che alla fine sono stati respinti dal tribunale, hanno avuto un ruolo importante.

Ciò ha comportato lunghi ritardi e non abbiamo tempo da perdere. A mio avviso, alla fine la transizione verso un sistema energetico più sostenibile non è solo una sfida tecnica o economica, ma anche sociale e politica. La semplificazione e la standardizzazione del processo di approvazione e linee guida più trasparenti potrebbero ridurre significativamente i tempi e i costi dei progetti di energia rinnovabile. A mio avviso, mercati dell'energia regolamentati in modo molto chiaro e con il necessario sostegno politico e normativo possono inviare un segnale forte, non solo agli investitori, agli sviluppatori e alle utility, ma anche alla popolazione. Se diventa chiaro l'impegno del governo nei confronti delle energie rinnovabili, sarà più facile raggiungere gli obiettivi per il 2050.

Lei si rivolge deliberatamente anche al pubblico in generale.

Sì. Sono fermamente convinta che il passaggio a un approvvigionamento energetico sostenibile sia una questione di responsabilità per tutti: privati, comuni, governi e industrie. È necessaria la volontà da parte di tutti di unirsi e di scendere a compromessi. Se tutti gli attori collaborano, sono fiduciosa che possiamo ancora raggiungere gli ambiziosi obiettivi entro il 2050.

I politici stanno facendo abbastanza per accelerare il processo di trasformazione?

Penso che al momento vi sia un buono slancio. Ad esempio, il governo federale ha deciso di promuovere la costruzione di impianti fotovoltaici alpini e quindi, in particolare, la produzione di energia elettrica domestica invernale entro la fine del 2025. Questo dovrebbe rendere la Svizzera meno dipendente dalle importazioni di elettricità dall'estero durante i mesi invernali e allo stesso tempo accelerare la transizione energetica. Ora è il momento di passare alla realizzazione.

Può fornirci qualche dato che illustri la situazione attuale della Svizzera?

Prendiamo ad esempio l'energia eolica: attualmente ci sono 41 turbine eoliche in funzione in tutto il Paese. Producono un totale di circa 0,15 terawattora di elettricità all'anno. Ciò corrisponde a una percentuale dello 0,3% del consumo totale di energia in Svizzera.

È quasi irrilevante.

In effetti è così. Secondo la Strategia energetica 2050 del governo federale, la produzione di energia eolica dovrebbe raggiungere i 4,3 terawattora e fornire circa il 7% del consumo di elettricità. Per un confronto: in tutta l'UE, la quota dell'energia eolica nel consumo di elettricità si aggirava recentemente intorno al 17% (fonte 2022). Il primo posto è occupato dalla Danimarca con il 55%. In Germania, la percentuale è di poco superiore al 22%.

Non soffia abbastanza vento in Svizzera? O qual è il motivo della scarsa performance?

Non è a causa del vento. In effetti, la Svizzera ha un ottimo potenziale eolico e le condizioni sono ideali per produrre energia dal vento. Secondo un nuovo studio dell'Ufficio federale dell'energia, il potenziale è di circa 30 terawattora all'anno. Se riuscissimo a sfruttare solo il 30% di questo potenziale, avremmo comunque nove terawattora all'anno. Di questi, sei terawattora sarebbero attribuiti al semestre invernale, da ottobre a marzo. Se convertiamo questo dato in numero di turbine eoliche, non è irrealistico dire che 100 turbine eoliche di ultima generazione generano 1 terawattora di elettricità all'anno. Questo sarebbe sufficiente a coprire il consumo di elettricità della città di Berna.

Margarita Aleksieva

«Non esiste una tecnologia che risolva tutte le sfide al contempo. Ci vuole un mix di elettricità da diverse fonti di energia rinnovabile.»

Margarita Aleksieva

responsabile della Business Unit Wind und Solar di BKW

Ciò significa che si dovranno costruire molte più turbine eoliche per realizzare i nove terawattora?

Sì, è così. Si ipotizza che a tal fine siano necessarie fino a 1.000 turbine. Circa 300-400 di queste turbine potranno essere installate nelle Alpi.

Tuttavia, molte persone non saranno d’accordo per motivi di conservazione della natura o di estetica del paesaggio.

È proprio questa la sfida. Se vogliamo passare all'energia sostenibile per ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili importati e se vogliamo che l'energia sia economica, allora dobbiamo scendere a compromessi e accettare il fatto che non possiamo vivere solo grazie alle infrastrutture che i nostri antenati hanno costruito qui. Mi piace dire che non esiste una tecnologia che risolva tutte le sfide al contempo. Dobbiamo accettarlo. Piuttosto, ci vuole un mix di elettricità da diverse fonti di energia rinnovabile".

Questo ci porta anche all'energia solare. C'è abbastanza sole in Svizzera per avere successo?

Abbiamo un grande potenziale anche per quel che riguarda l'energia solare, soprattutto nella regione alpina. La radiazione solare è intensa a un'altitudine di 2000 metri. Inoltre, possiamo sfruttare l'effetto del riflesso del sole da parte della neve, e l'aria più fredda aumenta l'efficienza dei moduli solari. Di conseguenza, la percentuale di elettricità invernale proveniente da un impianto solare alpino aumenta fino a circa il 50% della produzione totale.

Quali sono i progetti di BKW nel settore dell'energia solare?

Stiamo portando avanti l'espansione dell'energia solare: dopo il lancio del progetto "BelpmoosSolar", un impianto solare a terra presso l'aeroporto regionale di Berna-Belp, abbiamo avviato anche diversi progetti solari alpini nel cantone di Berna, tra cui Adelboden Schwandfäl, MontSol (Saint Imier) e Schattenhalb Tschingel Ost e Tschingel West. Tutti gli impianti previsti fanno parte del programma "SolarExpress", con il quale il governo federale promuove la costruzione di impianti fotovoltaici alpini entro la fine del 2025.

Oltre alla fattibilità tecnica, che ruolo svolgono le preoccupazioni ambientali nella scelta dei progetti solari?

Cerchiamo di tenere conto il più possibile degli interessi legittimi della protezione del clima e dell'ambiente e ci affidiamo al dialogo con tutte le parti coinvolte per trovare soluzioni comuni e praticabili.

Quanto sono estesi i progetti fotovoltaici alpini previsti?

Rispetto agli impianti fotovoltaici convenzionali all'estero, sono piuttosto piccoli. Gli impianti fotovoltaici alpini previsti hanno una capacità installata media di otto-dodici megawatt e si prevede che produrranno dieci-dodici gigawattora all'anno.

BKW vuole contribuire anche al raggiungimento degli obiettivi energetici del governo federale nell'ambito dell'iniziativa «Lebensräume 2025» (spazi vivibili 2025). Ad esempio, è stato allestito uno "Atelier" sul tema dell'"habitat alpino". Di cosa si tratta?

Con l'Atelier offriamo una piattaforma per il dialogo e lo scambio di esperienze - e una "fucina di soluzioni". La nostra domanda chiave è: come ottimizzare e potenziare le infrastrutture nelle regioni alpine per promuovere lo sviluppo economico e allo stesso tempo proteggere l'habitat? Affinché ciò sia possibile, è necessario sviluppare soluzioni tempestive sulla base di una visione olistica di tutti gli interessi e in stretta collaborazione con tutte le parti interessate, con l'obiettivo di preservare a lungo termine questo spazio vitale ed economico unico. L’Atelier offre esattamente il contenitore giusto per questo.

Foto: BKW / Albiana Selmani

Fonte: BKW / Albiana Selmani

Margarita Aleksieva, responsabile della Business Unit Wind und Solar di BKW.

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di BKW.

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

E-mobility o idrogeno: a chi appartiene il futuro?
Mobilità

E-mobility o idrogeno: a chi appartiene il futuro?

Jacek Dylag / Unsplash
Economia circolare

La diga si alza e l'eolico si amplia

Sustainable Switzerland
Energia

La mobilità elettrica è davvero più sostenibile dell'uso dei carburanti convenzionali?

Articoli simili

Turbine eoliche sul Passo del San Gottardo
Biodiversità

Ecco dove dovrebbero spuntare le turbine eoliche in Svizzera

La transition énergétique a-t-elle la priorité sur la protection de la nature ?
Energia

Svolta energetica prima di tutela ambientale?

Approvvigionamento elettrico: è cambiato il vento?
Energia

Approvvigionamento elettrico: è cambiato il vento?