Logo image
Celle di accumulo rivoluzionarie: maggiore autonomia a costi ridotti

Foto: BMW

Clima ed energia Contenuto partner: BMW

Celle di accumulo rivoluzionarie: maggiore autonomia a costi ridotti

Nei veicoli elettrici del BMW Group vengono impiegate celle di accumulo completamente innovative. La loro rivoluzionaria tecnologia di stoccaggio assicura una maggiore densità di energia, un’autonomia più elevata e tempi di ricarica più brevi. In questo modo, i costi per l’intero accumulatore ad alto voltaggio possono essere ridotti fino al 50%.

2

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Celle di accumulo rivoluzionarie: maggiore autonomia a costi ridotti

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

3 Min.  •   • 

Ciò che a prima vista sembra un cambiamento puramente formale, a un occhio più attento si rivela invece una piccola rivoluzione, nascosta nel cuore di un’auto elettrica: a partire dal 2025, il BMW Group utilizzerà nei suoi veicoli elettrici nuove celle di accumulo in formato rotondo.

Naturalmente non si tratta di semplice geometria. Le nuove celle rivoluzionarie portano con sé un notevole progresso in termini di parametri fondamentali di un’auto elettrica: «Con la sesta generazione delle nostre celle di ioni di litio di nuova concezione, siamo di fronte a un’enorme salto tecnologico: la densità di energia aumenta di oltre il 20%, la velocità di ricarica accelera anche del 30% e anche l’autonomia migliora fino al 30%», spiega Frank Weber, membro del consiglio di amministrazione di BMW AG per lo sviluppo, quando parla del vantaggio del nuovo formato di celle. «Inoltre, riduciamo le emissioni di CO₂ nella produzione di celle fino al 60%. Si tratta di grandi passi in termini di sostenibilità e vantaggi per i clienti», afferma Weber.

Non è solo il formato delle celle a cambiare, ma anche l’interno della piccola fonte di energia, ovvero la chimica delle celle. A tal fine, l’azienda ha adeguato le quantità di materie prime necessarie. Se da un lato sono stati aumentati il contenuto di nichel e la percentuale di silicio, dall’altro è stato possibile ridurre la percentuale di cobalto. Ciò si ripercuote positivamente sulla densità di energia e, quindi, anche sui dati prestazionali di un veicolo elettrico.

Notevoli progressi tecnici sono previsti anche per gli accumulatori di energia, la propulsione e la tecnologia di ricarica delle auto elettriche della «nuova classe» del BMW Group, che in futuro potranno contare su una tensione aumentata a 800 volt. Tutto questo ottimizza, tra l’altro, l’immagazzinamento di corrente continua presso le stazioni di ricarica rapida. La potenza di ricarica notevolmente aumentata riduce anche del 30% il tempo necessario per ricaricare la batteria dal 10 all’80%.

Nello sviluppo della nuova tecnologia di stoccaggio, il team di ricerca del BMW Group è riuscito a ridurre significativamente i costi dell’accumulatore ad alto voltaggio. Considerando le premesse vigenti sul mercato, i costi possono essere ridotti fino al 50% rispetto alla generazione attuale. L’azienda si è posta l’obiettivo di portare i costi di produzione dei modelli totalmente elettrici al livello dei veicoli con la più moderna tecnologia di motore a combustione. In base all’esempio dell’economia circolare, il BMW Group non verifica, però, solo le tecnologie, ma tutti gli sviluppi e i processi di produzione in modo critico in termini di ecocompatibilità e bilancio ecologico. Le materie prime, quali cobalto e litio, utilizzate per la nuova generazione di celle di accumulo BMW provengono da miniere certificate. L’azienda ottiene così la massima trasparenza sui metodi di estrazione e può garantire un’estrazione responsabile.

I processi circolari riducono, inoltre, il fabbisogno di nuove materie prime e il rischio di violazione degli standard ambientali e sociali nella catena di fornitura e portano, in genere, a emissioni di CO₂ nettamente inferiori. L’obiettivo a lungo termine del BMW Group è quindi quello di utilizzare una cella di accumulo completamente circolare.

E i prossimi progressi innovativi stanno già prendendo forma. La nuova tecnologia di stoccaggio offre così la possibilità di utilizzare per la prima volta catodi al litio-ferro-fosfato (LFP). In questo modo, si può rinunciare completamente a materie prime critiche, come cobalto e nichel. Parallelamente, il BMW Group promuove anche lo sviluppo di batterie allo stato solido (All-Solid-State-Battery, ASSB). Entro la fine del decennio dovrebbero essere presentate batterie ad alto voltaggio di questo tipo pronte per la produzione in serie.

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato da BMW stesso nell'ambito del partenariato con Sustainable Switzerland.

Questo articolo copre i seguenti SDG

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) sono 17 obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile concordati dagli Stati membri dell'ONU nell'Agenda 2030 e riguardano temi quali la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, la salute, l'istruzione, l'uguaglianza di genere, l'acqua pulita, l'energia rinnovabile, la crescita economica sostenibile, le infrastrutture, la protezione del clima e la tutela degli oceani e della biodiversità.

7 - Energia pulita e accessibile

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

La mobilità verde inizia dalla progettazione delle auto
Cambiamento climatico

La mobilità verde inizia dalla progettazione delle auto

L’economia circolare sta decollando
Economia circolare

L’economia circolare sta decollando

Foto: BMW
Mobilità

Materie prime, diritti umani e auto elettriche

Articoli simili

Photo
Energia

La sostenibilità su ruote: 9 motivi per cui un'auto elettrica è la scelta migliore

Uso di fibre naturali nella BMW M4 GT4: la casa automobilistica punta sulle strutture leggere bio ideate da Bcomp.
Economia circolare

Il piacere di guidare parte dall’innovazione

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?
Cambiamento climatico

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?