Logo image
Visibilità: dove sono le donne nel mondo degli affari e della scienza?

Andrew Rybalko / iStock

Società Economia

Visibilità: dove sono le donne nel mondo degli affari e della scienza?

Quando si parla di parità di genere, le cose acquistano rapidamente una dimensione emotiva. Questa settimana lasciamo che siano i fatti a parlare e le donne a dire la loro con consapevolezza riguardo alla vita lavorativa quotidiana.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Visibilità: dove sono le donne nel mondo degli affari e della scienza?

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

3 Min.  •   • 

Il quinto obiettivo principale dei (SDGs) dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) nell'ambito della Agenda 2030 è: «Raggiungere l'uguaglianza di genere e l’autodeterminazione di tutte le donne e ragazze.» Secondo il DFAE, la disuguaglianza di genere rimane uno dei maggiori ostacoli allo sviluppo sostenibile, alla crescita economica e alla riduzione della povertà globale.

Anche in Svizzera la strada è ancora lunga

In questo Paese la parità tra uomini e donne viene affrontata con diversi approcci. È stata inserita nella Costituzione federale dal 1981 e in teoria contiene un diritto individuale direttamente applicabile alla parità di retribuzione per lo stesso lavoro o per un lavoro di pari valore. Nel 1996 è entrata in vigore la Legge federale sulla parità dei sessi. Concretizza il mandato costituzionale per la vita lavorativa, vieta la discriminazione diretta e indiretta in tutti i rapporti di lavoro e mira a garantire le pari opportunità nella vita lavorativa.

Il concetto di uguaglianza è riassunto dall'ONG humanrights.ch come segue: «Uguaglianza significa pari diritti e pari opportunità per tutti i membri di una società. In Svizzera, l'uguaglianza delle donne è ampiamente realizzata nella legge, ma c'è ancora molta strada da fare prima di raggiungere un'effettiva parità di opportunità. Alle donne e agli uomini vengono attribuiti interessi, capacità e ruoli diversi nella società. Questo influisce ancora oggi, ad esempio, sul loro status economico e sulla responsabilità del lavoro domestico e familiare.»

Quadri femminili in netta ascesa

Dal 2021 la Confederazione richiede una quota di genere nelle direzioni e nei consigli di amministrazione delle PMI e delle società quotate. Di conseguenza, le aziende devono cercare rapidamente e in modo proattivo le donne adatte.

Secondo uno studio dell'associazione di reclutamento Russel Reynolds dell'anno scorso, la percentuale di donne nella metà delle maggiori società quotate in borsa in questo Paese è già superiore al parametro legale del 20%. Nelle direzioni delle società quotate nello Swiss Market Index (SMI), la percentuale è passata dal 13 al 19% nel 2021.

Ciò significa che la Svizzera ha recuperato un forte ritardo nel confronto europeo. Nel confronto tra Paesi si colloca appena dietro la Germania, ma davanti a Paesi Bassi, Spagna e Italia. Norvegia, Finlandia e Regno Unito sono in cima alla classifica europea. In Norvegia, leader della parità di genere, la quota delle donne è del 30%.

Ancora sottorappresentate nei media

Le donne sono significativamente meno presenti degli uomini nell'informazione dei media svizzeri: solo poco meno di una persona su quattro, di cui si riporta, è di sesso femminile (situazione al 1° luglio 2021). Secondo uno studio dell'Università di Zurigo, dal 2015 il divario di genere è rimasto pressoché invariato in tutte le regioni linguistiche e in tutti i tipi di media. È maggiore nello sport e negli affari, minore nella cronaca culturale e nell'interesse umano. Inoltre, quando si parla di questioni private, il divario tra i sessi è minore rispetto a quando si parla di ruoli professionali.

Nei contesti professionali e pubblici, le donne (24%) sono rappresentate molto meno spesso rispetto agli uomini (76%). Solo il 21% dei portavoce che si vedono delle organizzazioni e il 23% degli esperti presenti nei media sono donne. Le donne sono particolarmente sottorappresentate tra le persone che hanno responsabilità di leadership e parlano nella loro funzione di leadership. Di conseguenza, è necessario rompere sia le strutture sociali esistenti che le routine giornalistiche.

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Foto: BMW

«I diritti umani non sono un compito di cui occuparsi una tantum»

hpgruesen / Pixabay
Cambiamento climatico

«Siamo rimaste sorprese anche noi dalla sentenza della CEDU»

Foto: Justice and Care

Unire le forze per combattere la schiavitù moderna

Articoli simili

L’etica che guida gli affari
Economia circolare

L’etica che guida gli affari

La Svizzera
Governance

La Costituzione federale ha 175 anni, ci vuole un aggiornamento?

Lohntransparenz: So fördern Sie Engagement und Fairness
Management

Trasparenza salariale: come promuovere l’impegno e l’equità