Logo image
Proteine alternative: un bene per i consumatori, le imprese e il clima

Foto: PD

Produzione e consumo Contenuto partner: Boston Consulting Group (BCG)

Proteine alternative: un bene per i consumatori, le imprese e il clima

Le alternative della carne e del latte a base vegetale stanno diventando sempre più popolari tra i consumatori. Una nuova tendenza: la produzione microbica. In uno studio congiunto, BCG e Blue Horizon hanno analizzato come questa tendenza stia cambiando il mercato alimentare e quali opportunità si aprono per le aziende.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Proteine alternative: un bene per i consumatori, le imprese e il clima

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

6 Min.  •   • 

A livello globale l'appetito per gli alimenti di origine animale rimane alto, sia che si tratti di uova, carne o latte. Allo stesso tempo, la domanda di alternative ecologiche è in crescita, soprattutto in Europa e negli Stati Uniti. Sempre più consumatori scelgono macinato vegano a base di proteine di pisello quando fanno la spesa, gustano il cappuccino con latte d'avena o optano per il seitan invece della cotoletta di maiale in mensa. E la tendenza si evolve a ritmo serrato: a Singapore e negli Stati Uniti è già stata autorizzata la cosiddetta carne coltivata, prodotta a partire da cellule animali che possono essere moltiplicate quasi a piacere in bioreattori e poi trasformate, ad esempio, in crocchette di pollo. Di qui a pochi anni, in funzione degli sviluppi tecnologici e normativi, potremmo quindi aver superato il picco del consumo di carne e potremmo invece assistere a una graduale diminuzione del consumo di prodotti convenzionali a base di carne, pesce, latticini e uova. Come giudicano i consumatori la tendenza verso le proteine alternative? E come si ripercuote tutto ciò sull'economia e sull'ambiente? Questo dato è stato analizzato in uno studio congiunto del Boston Consulting Group (BCG) e di Blue Horizon, un investitore svizzero specializzato in sostenibilità alimentare e agricola ed economia circolare. Nell'ambito dello studio "The Untapped Climate Opportunity in Alternative Proteins" sono stati intervistati circa 4000 consumatori in Nord America, Europa, Medio Oriente e Asia.

Elevata accettazione da parte dei consumatori

Le alternative agli alimenti di origine animale sono entrate da tempo nella vita quotidiana delle persone, sia nei Paesi industrializzati che in quelli emergenti. Il 76% dei partecipanti allo studio ha dichiarato di conoscere almeno un tipo di proteina alternativa, sia essa puramente vegetale, frutto di processi di fermentazione o ricavata da cellule animali coltivate. Il 60% ha già provato proteine alternative e circa il 35% è diventato un utilizzatore frequente, quasi esclusivo o esclusivo. La crisi pandemica, in particolare, ha contribuito enormemente al cambiamento delle abitudini alimentari: Circa la metà (48%) degli intervistati ha dichiarato di aver consumato in misura maggiore o molto maggiore prodotti a base di proteine alternative durante questo periodo. Il 30% delle persone che hanno modificato le proprie abitudini alimentari ha citato come motivazione una maggiore consapevolezza sulla salute, seguita dalla preoccupazione per la sofferenza degli animali (24%), dalla preoccupazione per il riscaldamento globale (23%) e da una maggiore disponibilità a provare qualcosa di nuovo (23%). Un terzo cambierebbe addirittura completamente la propria dieta se ciò avesse un effetto positivo dimostrabile sul clima globale. "La volontà di rinunciare alla carne è grande da parte dei consumatori, con un ampio margine di aumento", afferma Benjamin Morach, coautore dello studio, Managing Director e Partner di BCG.

Protezione efficace del clima

La riduzione degli allevamenti nella catena del valore alimentare è una delle soluzioni più efficaci alla crisi climatica globale. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP), l'allevamento occupa attualmente il 78% della superficie agricola mondiale. Bovini, suini, ovini e pollame producono enormi quantità di gas metano che riscalda l'atmosfera terrestre più velocemente dell'anidride carbonica. Circa il 15% delle emissioni globali di gas serra è quindi imputabile agli allevamenti.

Le proteine alternative ricavate da piselli, soia o colture cellulari animali possono sostituire la carne e i latticini, contribuendo così all'attuazione degli obiettivi climatici delle Nazioni Unite: limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius entro il 2030 e raggiungere la neutralità rispetto alle emissioni di gas ad effetto serra entro la metà del secolo. Il passaggio ad alternative vegetali per la carne di manzo, maiale e pollo e per le uova potrebbe ridurre significativamente le emissioni di gas serra entro il 2030. Anche nello scenario con i risparmi più bassi si tratterebbe di circa 0,85 gigatonnellate di CO2 equivalenti (CO2e), corrispondenti al 95% delle emissioni causate dall'industria del trasporto aereo nel 2019. Nel migliore dei casi, le emissioni globali potrebbero addirittura ridursi di 6,1 gigatonnellate di CO2e, pari all'11% delle emissioni totali previste dalle Nazioni Unite per il 2030. "Il sistema alimentare globale è una parte importante del problema e può essere una parte importante della soluzione", afferma Jürgen Rogg, coautore dello studio e Managing Director e Senior Partner di BCG. A livello globale, il capitale investito in proteine alternative è passato da un miliardo di dollari a cinque miliardi di dollari tra il 2019 e il 2021. Anche i produttori di alimenti convenzionali si rivolgono sempre più spesso alle proteine alternative, acquistando start-up specializzate o fondandone di proprie. A medio termine, questa trasformazione graduale della produzione alimentare riduce l'impronta di carbonio dei produttori e accorcia le catene di approvvigionamento spesso globali. Questo a sua volta rende le aziende più resistenti agli shock economici, come quelli recentemente causati dalla pandemia di coronavirus o dalla guerra in Ucraina. Gli autori dello studio giungono a una conclusione incoraggiante: gli investimenti in proteine alternative ottengono i maggiori risparmi di CO2 per dollaro USA di capitale investito in tutti i settori. Blue Horizon ha coniato il termine IoCE, Impact on Capital Employed (impatto sul capitale investito). Ad esempio, l'IoCE per gli investimenti in proteine alternative è almeno tre volte superiore a quello registrato nei settori dei trasporti e degli edifici, che sono stati finora al centro delle politiche climatiche.

Definire la rotta politica

L'effetto incentivante delle istituzioni statali, ad esempio attraverso i sussidi, gioca un ruolo importante anche nei sostituti della carne e del latte. Anche i contratti di acquisto a lungo termine e le garanzie di prezzo rappresentano una possibilità. Anche gli organi legislativi dei vari governi possono creare un ambiente positivo, come si può già vedere in Israele, Singapore e Paesi Bassi. Per non parlare della Cina che con l'attuale piano quinquennale sta fortemente valorizzando il ruolo delle proteine provenienti da piante, cellule animali e microrganismi per la sicurezza alimentare del Paese. Le dimensioni della popolazione mettono la Repubblica Popolare nelle condizioni non solo di disporre di un enorme mercato di vendita nel proprio Paese, ma anche di realizzare economie di scala e di costo grazie alla quantità di proteine alternative prodotte. Questo dovrebbe anche far diminuire il prezzo dei nuovi alimenti. In Cina come nel resto del mondo, se tutte le parti coinvolte - agricoltori, produttori di alimenti, aziende farmaceutiche e di sementi, produttori di macchinari, rivenditori e governi, in quanto responsabili della definizione del quadro normativo - riusciranno a portare sugli scaffali la prossima generazione di alternative sane e gustose alla carne e ai latticini, anche il clima avrà una possibilità.

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di BCG.

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Foto: Lidl
Alimentazione

Responsabilità verso gli animali

Un’alimentazione sostenibile ha bisogno di divieti e tasse?
Alimentazione

Un’alimentazione sostenibile ha bisogno di divieti e tasse?

«Gli acquisti sostenibili non devono necessariamente essere costosi»
Alimentazione

«Gli acquisti sostenibili non devono necessariamente essere costosi»

Articoli simili

«La soluzione? Alghe commestibili da aziende agricole svizzere!»
Alimentazione

«La soluzione? Alghe commestibili da aziende agricole svizzere!»

Foto: Yeastup
Alimentazione

Nuova vita per vecchi lieviti

Foto: YASAI
Istruzione

Sapori dalla coscienza pulita