Logo image
Foto: La Posta Svizzera

Foto: La Posta Svizzera

Passo dopo passo verso la neutralità climatica

Nessuno vuole rinunciare agli acquisti online o alla corrispondenza tramite lettera, tuttavia queste abitudini causano molte tonnellate di CO₂ e dunque qualcosa deve cambiare. A partire dal 2030 la Posta vuole convertirsi totalmente ai veicoli elettrici per il recapito e raggiungere la completa neutralità climatica per le attività proprie dell’azienda. Dal 2040 genererà emissioni nette pari a zero nell’intera catena di creazione del valore, ossia in tutte le sue attività nei processi a monte e a valle, ad es. presso fornitori e subappaltatori.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Passo dopo passo verso la neutralità climatica

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

4 Min.  •   • 

In qualità di principale azienda di logistica e di trasporto della Svizzera, la Posta ha un’enorme responsabilità non solo nei confronti della propria clientela e dei propri partner commerciali, ma anche della società e dell’ambiente. Un importante fattore che contribuisce all’1% delle emissioni di CO₂ in Svizzera sono i numerosi veicoli che ogni giorno trasportano merci, persone, lettere e pacchi. Proprio per questo motivo la Posta sta convertendo totalmente il suo parco veicoli per il recapito alla trazione elettrica.

La più grande flotta elettrica della Svizzera

Da anni la Posta persegue il processo di conversione alla trazione elettrica e ad oggi l’azienda dispone di circa 7230 veicoli elettrici, ossia della più grande flotta elettrica della Svizzera. Dal 2009 la Posta utilizza nel recapito veicoli elettrici a tre ruote e dal 2017 consegna le lettere senza alcuna emissione di CO₂. Attualmente, oltre ai circa 6007 scooter elettrici, sono già impiegati nel recapito 646 veicoli elettrici a quattro ruote. Alla Posta i veicoli elettrici sono utilizzati, ad esempio, anche dal personale tecnico e quindi non solo per attività di trasporto e recapito. Entro la fine del 2030 l’azienda vuole convertire i restanti 4000 veicoli a combustione in veicoli elettrici.

Zurigo e Berna danno l’esempio

Dal 1º febbraio 2023, a Zurigo e Berna tutte le lettere e tutti i pacchi consegnati con mezzi di proprietà della Posta sono recapitati mediante veicoli elettrici a emissioni zero. 340’000 nuclei familiari ricevono così ogni anno oltre 150 milioni di lettere e 11,3 milioni di pacchi senza alcuna emissione di CO₂. Entro quest’anno la Posta recapiterà lettere e pacchi a emissioni zero anche a Ginevra, prima città della Svizzera romanda, ed entro la fine del 2025 seguiranno altre città come Biel/Bienne, Lucerna, Winterthur, Losanna e Lugano. A partire dal 2030 ciò avverrà in tutta la Svizzera.

La conversione è un progetto ambizioso

La conversione al recapito senza emissioni di CO₂ presenta delle sfide, non da ultimo i costi elevati. Nelle sue 450 sedi di recapito la Posta deve garantire che tutti i veicoli elettrici siano pronti per la consegna ogni giorno. Ad oggi circa 140 uffici di recapito in tutta la Svizzera sono dotati di stazioni di ricarica.

Alimentazione elettrica ecologica

La Posta alimenta tutti i suoi veicoli elettrici con energia ecologica certificata «naturemade star» proveniente da fonti rinnovabili svizzere. Tutti i maggiori uffici di recapito sono dotati di un sistema elettrico di gestione del caricamento che controlla e bilancia centralmente il fabbisogno energetico dei veicoli elettrici in modo da ridurre al minimo i picchi di consumo. Con l’elettrificazione della flotta si risparmiano attualmente 8200 tonnellate di CO₂ all’anno.

Riciclo delle batterie

Kyburz Switzerland AG, il produttore dei veicoli elettrici a tre ruote utilizzati dalla Posta, sta implementando il sistema «MultiLife», per cui le batterie usate vengono impiegate in veicoli «second life» o riciclate in un processo innovativo a basso consumo energetico che permette di riutilizzare il 90% circa dell’intera batteria.

Un modello da seguire nella tutela del clima

Per i clienti destinatari non cambia nulla in termini di servizio, se non l’ecobilancio: meno emissioni foniche durante il recapito e quindi la certezza che l’ultimo ordine online non ha causato alcuna emissione di CO₂, almeno non nell’ultimo miglio. «Con l’elettrificazione del parco veicoli del recapito e la relativa logistica nel rispetto delle risorse, anche la clientela della Posta può ridurre la propria impronta di CO₂», dichiara Johannes Cramer, membro della Direzione del gruppo e responsabile Servizi logistici. Oltre a perseguire i propri obiettivi di progressivo azzeramento delle emissioni di CO₂, la Posta vuole avere un impatto positivo anche su molte altre aziende. Da un lato dando semplicemente il buon esempio, dall’altro raggiungendo emissioni nette pari a zero nell’intera catena di creazione del valore entro il 2040. Questo non riguarda unicamente il proprio esercizio, ma tutte le società partner, poiché anche chi vuole collaborare con la Posta deve impegnarsi a farlo a impatto climatico zero.

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato da la Posta Svizzera stesso nell'ambito del partenariato con Sustainable Switzerland.

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

SSF BMW
Energia

Stoccaggio efficiente delle rinnovabili

Foto: Noë Flum

«L’elettrico è parte della soluzione»

5 fattori per la sostenibilità nelle PMI
Management

5 fattori per la sostenibilità nelle PMI

Articoli simili

Photo
Energia

La sostenibilità su ruote: 9 motivi per cui un'auto elettrica è la scelta migliore

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?
Cambiamento climatico

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?

E-mobility o idrogeno: a chi appartiene il futuro?
Mobilità

E-mobility o idrogeno: a chi appartiene il futuro?