Logo image
Non possiamo negare la nostra responsabilità individuale in materia di clima e dobbiamo volare di meno.

Jean-Pierre Danthine è professore all'EPFL (ETH) e direttore generale dell'Enterprise of Society Center (E4S), una joint venture dell'Università di Losanna con l'IMD e l'EPFL. Immagine: PD

Clima ed energia Contenuto partner: EPFL

Non possiamo negare la nostra responsabilità individuale in materia di clima e dobbiamo volare di meno.

Un articolo del professore dell'EPFL Jean-Pierre Danthine su questo tema: «Niente più vacanze al mare finché non sarà possibile volare senza carburante?»

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Non possiamo negare la nostra responsabilità individuale in materia di clima e dobbiamo volare di meno.

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

3 Min.  •   • 

Al momento, tutti sembrano sperare che l’economia e la tecnologia trovino soluzioni sufficienti per alleviare la nostra responsabilità individuale in materia di clima. Ma la realtà è diversa. Più della metà delle emissioni di CO2 sono dovute alle nostre decisioni personali in materia di mobilità, consumo di cibo, sistemi di riscaldamento e raffreddamento. In quanto maggiori inquinatori individuali, noi, ricchi cittadini del mondo occidentale, non possiamo appellarci ad altri. Abbiamo un peso individuale e non possiamo sfuggire alla nostra responsabilità. Inoltre, se non agisco, anche tutti gli altri hanno il diritto di fare lo stesso, e il disastro diventa inevitabile.

Cosa possiamo e dobbiamo fare? Dobbiamo ridurre il nostro consumo diretto e indiretto di energia fossile nel modo più rapido e radicale possibile. Per questo motivo, è inevitabile apportare alcuni cambiamenti nel nostro comportamento. La tecnologia può aiutarci un po', ma dobbiamo procedere da soli. Per esempio: gran parte delle emissioni di CO2 è legata al modo in cui riscaldiamo le nostre case. È qui che la tecnologia ci aiuta, perché possiamo sostituire i nostri vecchi sistemi di riscaldamento con altri più economici ed efficienti. Ed è anche questa una cosa da fare.

Inoltre, non ci sono scuse per non eliminare gradualmente i motori a combustione interna per le brevi e medie distanze. Può essere molto utile camminare, andare in bicicletta, usare i mezzi pubblici e le auto elettriche, spesso con effetti positivi sulla nostra salute. Si potrebbe anche scegliere una dieta più nuova e meno ricca di carne con vantaggi dal punto di vista della salute. In breve, la tecnologia ci aiuterà in molti settori se lo vogliamo. Tuttavia, il problema dei viaggi a lunga distanza resta e qui la tecnologia non sarà in grado di aiutarci ancora per molto tempo. Questo ha sicuramente delle conseguenze. I voli a lungo raggio sono responsabili di un quarto delle emissioni di gas serra della popolazione svizzera che viaggia molto. Sarebbe l’ideale pertanto limitare i viaggi in aereo allo stretto necessario per il momento, cioè ai viaggi di lavoro (se il lavoro da remoto è fuori questione) e ai viaggi di famiglia.

Perché: lasciamo perdere la spiaggia se non possiamo raggiungerla in treno! E se ciononostante volare è necessario, vi prego di investire generosamente in compensazioni - almeno 100 franchi per 1 tonnellata di CO2. Dopo tutto si tratta di un modo temporaneo e approssimativo di far fronte alle nostre responsabilità. Le imprese e la tecnologia possono quindi aiutarci a ridurre la nostra impronta climatica in molti settori, ma non ci permetteranno di continuare a volare come abbiamo fatto finora. Non possiamo sfuggire all'imperativo ecologico individuale del cambiamento climatico.

Jean-Pierre Danthine è professore all'EPFL (Politecnico federale di Losanna) e direttore generale dell'Enterprise of Society Center (E4S), una joint venture dell'Università di Losanna con l'IMD e l'EPFL.

Master of Science in Sustainable Management and Technology

Un nuovo Master of Science (MSc) in Gestione e Tecnologia Sostenibile (SMT) è offerto dall'Enterprise of Society Center (E4S) per conto delle sue tre istituzioni partner: Università di Losanna, IMD e EPFL. L'obiettivo di questo programma è quello di dotare gli entrepreneur e gli intrapreneur del futuro delle conoscenze e delle competenze necessarie per contribuire alla transizione verso un'economia più resiliente, sostenibile dal punto di vista ambientale e inclusiva, sfruttando il potere della tecnologia.

Per saperne di più sul programma di studio sostenibile

Questo articolo copre i seguenti SDG

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) sono 17 obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile concordati dagli Stati membri dell'ONU nell'Agenda 2030 e riguardano temi quali la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, la salute, l'istruzione, l'uguaglianza di genere, l'acqua pulita, l'energia rinnovabile, la crescita economica sostenibile, le infrastrutture, la protezione del clima e la tutela degli oceani e della biodiversità.

13 - Lotta contro il cambiamento climatico

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Celle di accumulo rivoluzionarie: maggiore autonomia a costi ridotti
Cambiamento climatico

Celle di accumulo rivoluzionarie: maggiore autonomia a costi ridotti

Foto: PD
Cambiamento climatico

Quando sarà possibile volare al mare senza cherosene?

«Gli edifici divoratori di energia non sono più accettabili»
Costruzioni e abitazioni

«Gli edifici divoratori di energia non sono più accettabili»

Articoli simili

Photocurry
Cambiamento climatico

Se il 2024 fosse ancora più caldo

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?
Cambiamento climatico

Le auto elettriche sono davvero più sostenibili o sono solo un pretesto per ripulirsi la coscienza?

Foto: Post
Cambiamento climatico

Tutelare il clima con i boschi e la scienza