Logo image
La cantina a volta del caseificio

Foto: Berg-Käserei Berg AG

Produzione e consumo Contenuto partner: economiesuisse

Dalla valle alla vetta: un viaggio sostenibile attraverso la Svizzera orientale

Approcci innovativi nell'industria, nella produzione alimentare e nel turismo mostrano come i modelli aziendali sostenibili siano attrezzati per il futuro e contribuiscano alla protezione del clima. Intraprendiamo un viaggio alla scoperta della Svizzera orientale.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Dalla valle alla vetta: un viaggio sostenibile attraverso la Svizzera orientale

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

5 Min.  •   • 

Nella valle: Bartholet Maschinenbau AG, Flums SG

Il tradizionale costruttore di funivie Bartholet ha sede nella Valle del Reno sangallese dal 1962. Secondo il capo dell'azienda Roland Bartholet, l'azienda di Flums pianifica a lungo termine, «su un arco di tempo da 20 a 25 anni». L'azienda si considera parte della futura mobilità urbana. Con il Ropetaxi, l'azienda sta testando una nuova tecnologia che consente ai passeggeri di scegliere la propria destinazione in modo simile a un ascensore. La particolarità è che le gondole del Ropetaxi si muovono solo quando sono necessarie. In questo modo è possibile ridurre in modo significativo il consueto funzionamento al minimo del 90% e aumentare l'efficienza. Bartholet è convinto che questa tecnologia prenderà piede: «Il Ropetaxi è il nostro cavallo di battaglia».

Il Ropetaxi di Flims Laax

Bartholet Maschinenbau AG

Il Ropetaxi darà forma alla mobilità del futuro. La prima versione è attualmente in costruzione nell'area di Flims Laax (GR).

L'azienda persegue un approccio sostenibile e mira a raggiungere una produzione neutrale dal punto di vista climatico entro il 2025. Se Bartholet vuole offrire soluzioni credibili di mobilità sostenibile, il costruttore di funivie deve rendere sostenibile anche la propria produzione. L'illuminazione è stata ammodernata con i LED, l'isolamento è stato rinnovato, si utilizzano materiali riciclati ove possibile e il parco veicoli è ora elettrico. Inoltre, nelle giornate estive di sole un nuovo impianto fotovoltaico presso la sede centrale dovrebbe coprire il doppio del consumo energetico. Ma Bartholet ha una risposta concreta sul perché questi sforzi non siano più visibili: «Forse comunicheremo non appena saremo a impatto climatico zero. La nostra forza sta nella produzione, non nella pubblicità».

Stazione intermedia: Berg-Käserei Gais AG, Gais

Andreas Hinterberger gestisce il caseificio di montagna di Gais da 23 anni. L'azienda lavora fino a 60’000 litri di latte di montagna appenzellese al giorno, producendo il formaggio di montagna Säntis, di produzione propria, nonché il nobile Rustico Nostrano. Per la produzione del formaggio è necessario molto calore. Per questo motivo, nel 2019 l'azienda ha installato una pompa di calore insieme alla St.Gallisch-Appenzellische Kraftwerke (SAK). Il centro di calcolo gestito dalla SAK e situato proprio accanto al caseificio generava in precedenza molto calore residuo inutilizzato, che ora viene utilizzato per coprire il fabbisogno di riscaldamento del caseificio di montagna.

Hinterberger non vuole essere indennizzato o sovvenzionato per il suo impegno nella sostenibilità. L'azienda si autofinanzia, senza sussidi da parte della Confederazione o del cantone. «Non abbiamo bisogno di una legge sul clima e di nessuna Greta per impegnarci nella sostenibilità», spiega.

All'interno del capannone di produzione, tubi e cavi d'acciaio conducono a vari contenitori e macchinari. Sembra caotico, ma è tutto un sistema: con lo scambiatore di calore a piastre, è necessario solo un quarto dell'energia per riscaldare il latte. La produzione è ampiamente automatizzata. A differenza dei formaggi particolari come l'Emmentaler o il Gruyère, il caseificio di montagna Gais produce solo varietà libere, motivo per cui può determinare il grado di automazione in modo indipendente.

Scambio termico del caseificio

Berg-Käserei Gais AG

Il caos è un sistema funzionante: è qui che avviene lo scambio di calore.

Ma in un luogo il formaggio viene ancora curato a mano e girato tre volte alla settimana. Andreas Hinterberger definisce la cantina a volta la «perla» del caseificio di montagna. Qui le colture batteriche producono la muffa grigia e conferiscono al Rustico Nostrano il suo carattere. Tutto ciò che riguarda la cantina è il più vicino possibile alla natura: è fatta di argilla e ricoperta di malta di calce palustre. È la dimostrazione che nel caseificio di montagna si incontrano metodi di produzione moderni e tradizionali.

La cantina a volta del caseificio

Berg-Käserei Gais AG

Nella cantina a volta, la «perla» del caseificio, matura il Rustico Nostrano lavorato a mano.

In vetta: Berggasthaus Staubern

A Frümsen, ai piedi dell'Alpstein, la futuristica costruzione solare sembra quasi fuori luogo accanto alla Nusshaus. Frutto di tempi più recenti, dotata di moduli solari, la stazione a valle della cabinovia funge da punto di partenza per una corsa spettacolare. Questa porta da 510 a 1’748 metri di altitudine e durante la salita offre un'ampia vista sull'Austria, sul Principato del Liechtenstein e sulla regione del Werdenberg.

Moduli fotovoltaici

Locanda di montagna Staubern

La stazione a valle, dotata di moduli fotovoltaici, spicca accanto all'edificio di legno.

La funivia è alimentata esclusivamente dall'energia solare generata da impianti fotovoltaici nelle stazioni a valle e a monte: una novità mondiale. Nonostante questo progetto di punta, Daniel Lüchinger non si riposa sugli allori. Sono previsti altri moduli fotovoltaici per coprire i picchi della domanda. Ma mentre i nuovi moduli fotovoltaici sono già pronti in montagna, l'autorizzazione tarda ad arrivare. Il ritardo da parte delle autorità è incomprensibile per Lüchinger: «In realtà, progetti di questo tipo dovrebbero essere approvati più rapidamente in un periodo caratterizzato dalla carenza di energie e dalla transizione energetica».

Moduli solari

Locanda di montagna Staubern

Il telaio per i nuovi moduli solari è già stato installato, ma il permesso è ancora in sospeso.

L'attenzione al consumo energetico fa parte del DNA dei Lüchinger. Da 29 anni cucinano in modo induttivo, l'aria del ristorante viene fatta circolare per recuperare il calore e la lavastoviglie funziona solo una volta al giorno per 45 minuti per risparmiare energia. Daniel Lüchinger monitora il consumo di elettricità con uno strumento collegato in rete dell'azienda vallesana Studer.

Strumento di analisi digitale

Locanda di montagna Staubern

Daniel Lüchinger ha sempre una visione d'insieme del consumo di elettricità grazie a uno strumento digitale.

Un'ondata di caldo nel luglio 2023 ha fatto sì che le temperature a valle superassero i 30 gradi all'ombra. Ma in alto, in montagna, il clima è piacevole. Non solo l'altitudine, ma anche le pratiche sostenibili della famiglia Lüchinger contribuiscono a mantenere questo idillio nonostante i cambiamenti climatici. Daniel Lüchinger riassume: «O ti piace stare qui o non ci stai affatto. Qui c'è un'armonia e noi facciamo la nostra parte».

Una visita allo Staubern è un viaggio in un futuro che unisce sostenibilità e innovazione. Bartholet Maschinenbau AG, Berg-Käserei Gais AG e Berggasthaus Staubern dimostrano in modo impressionante che la transizione energetica non è solo una sfida, ma anche un'opportunità unica per l'inventiva e l'azione orientata al futuro. È un'opportunità per dimostrare che la Svizzera orientale è in grado di dettare il ritmo per un'economia innovativa, resiliente e sostenibile.

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato da economiesuisse ner stesso nell'ambito del partenariato con Sustainable Switzerland.

Questo articolo copre i seguenti SDG

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) sono 17 obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile concordati dagli Stati membri dell'ONU nell'Agenda 2030 e riguardano temi quali la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, la salute, l'istruzione, l'uguaglianza di genere, l'acqua pulita, l'energia rinnovabile, la crescita economica sostenibile, le infrastrutture, la protezione del clima e la tutela degli oceani e della biodiversità.

9 - Imprese, innovazione e infrastrutture
11 - Città e comunità sostenibili
12 - Consumo e produzione responsabili

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Meno impronte sulla neve: sport invernali sostenibili
Biodiversità

Meno impronte sulla neve: sport invernali sostenibili

Foto: PD
Economia circolare

Edifici intelligenti per raggiungere gli obiettivi climatici

«Gli edifici divoratori di energia non sono più accettabili»
Costruzioni e abitazioni

«Gli edifici divoratori di energia non sono più accettabili»

Articoli simili

Foto: economiesuisse
Economia circolare

Dal Vallese nel mondo

Photo: Ed White/ Pixabay
Energia

Ecco come dovrebbe essere una Svizzera senza emissioni di carbonio nel 2050

Foto: PD
Energia

Per una maggiore efficienza energetica nel settore edilizio