Logo image

Clima ed energia: Energia

Come innovare il nostro modo di pensare e le tecnologie

Senza svolta energetica, la Svizzera non può essere sostenibile: dobbiamo rinunciare ai combustibili fossili e puntare maggiormente sulle energie rinnovabili.

L’essenziale in breve

  • Dal 1950 il consumo energetico svizzero è cresciuto di cinque volte
  • I combustibili fossili sono la principale fonte energetica
  • L’elettricità da energia nucleare va rimpiazzata al più presto
  • Oggi la Svizzera dipende dall’import di elettricità

Il consumo energetico svizzero è elevato. Tra il 1950 e il 2020 è quasi quintuplicato, per poi attestarsi a livelli abbastanza stabili, seppur con una lieve tendenza decrescente. Ma perché rimanga costante o cali, occorre che l’aumento di popolazione residente permanente, PIL, veicoli a motore e abitazioni venga compensato da un incremento dell’efficienza energetica.

Una cosa è certa: la nostra energia viene dal sottosuolo.

43,4 %

della produzione energetica svizzera da prodotti petroliferi (2021)

Tuttora la maggioranza dell’energia consumata in Svizzera proviene quindi da carburanti e combustibili fossili.

Fonte: Statistica globale dell’energia 2021, Ufficio federale dell’energia UFE

Benché il numero di veicoli elettrici e pompe di calore sia in continuo aumento, buona parte dei veicoli è tuttora a benzina o diesel e la maggioranza degli edifici è riscaldata con petrolio o gas naturale. I vettori energetici fossili sono però d’ostacolo al raggiungimento degli obiettivi climatici della Svizzera ed essendo importati al 100% implicano una forte dipendenza dall’estero.

Il vettore energetico più importante dopo carburanti e combustibili fossili è l’elettricità, a cui è riconducibile il 26 per cento (2021) del consumo finale svizzero. In Svizzera l’elettricità proviene per oltre due terzi da impianti idroelettrici, ma quasi un quinto è tuttora ricavato da energia nucleare. Poiché però la durata di esercizio delle centrali nucleari svizzere è limitata, in futuro questa quota dovrà essere coperta da energia rinnovabile. Ad oggi non è ancora chiaro quando verrà abbandonato il nucleare: fintanto che sicure, le centrali oggi attive possono rimanere in esercizio.

Oltre che a rimpiazzare l’elettricità da energia nucleare prodotta nel Paese, la Svizzera punta a sostituire la corrente d’importazione (per lo più generata da impianti nucleari francesi) con corrente da fonti rinnovabili prodotta internamente. Riducendo la dipendenza dall’estero intende accrescere la sicurezza dell’approvvigionamento.

Le sfide da risolvere

  • Accrescere l’efficienza energetica
  • Decarbonizzazione della Svizzera
  • Elevato consumo elettrico sulla scia dell’elettrificazione
  • Studio di accumulatori di elettricità ecologici

Per raggiungere i suoi obiettivi climatici la Svizzera deve procedere a una rapida decarbonizzazione, ossia passare da vettori energetici fossili a fonti energetiche rinnovabili. L’elettrificazione della mobilità e il crescente impiego di pompe di calore, tuttavia, comportano un aumento del consumo elettrico. Per contrastare questa tendenza occorre accrescere l’efficienza energetica, e ciò può avvenire sia mediante l’innovazione tecnologica – ne è un esempio l’invenzione delle lampade LED – sia con misure politiche come, p. es., le prescrizioni sulle emissioni dei veicoli o gli incentivi per il risanamento di edifici.

Una cosa è certa: la Svizzera mira a un approvvigionamento energetico pulito.

2030

le emissioni di gas serra dovranno essere dimezzate rispetto al 1990.

2050 il bilancio climatico svizzero dovrà essere pari a zero. Questo l’obiettivo climatico approvato dal Consiglio federale.

Fonte: Ufficio federale dell'ambiente UFAM

Per la Svizzera abbandonare il nucleare e ridurre l’import di elettricità significa dover sostituire una grande quantità di corrente con energia elettrica rinnovabile. Si dovranno perciò potenziare le risorse idroelettriche e le altre energie rinnovabili, soprattutto quella solare e quella eolica. Al contrario delle centrali nucleari, vento e sole non generano però quantità di energia costanti. Le fonti energetiche rinnovabili sono volatili. Per sostituire la cosiddetta energia di banda delle centrali nucleari occorrono perciò un equilibrato mix di corrente da varie fonti rinnovabili, soluzioni ecologiche di accumulo energetico e sistemi intelligenti.

Dov’è il maggior potenziale di cambiamento

  • Consapevolezza collettiva della responsabilità individuale
  • Monitoraggio intelligente e tecnologie innovative in campo industriale ed economico
  • Riduzione della burocrazia relativamente allo sviluppo delle energie rinnovabili e loro incentivazione mirata

L’evoluzione verso un uso sostenibile dell'energia si basa su sufficienza (ossia risparmio energetico), efficienza ed energie rinnovabili. Società, economia e politica sono ugualmente chiamate a promuovere lo sviluppo sostenibile.

Per la società svizzera la leva principale è la consapevolezza. La campagna di risparmio energetico lanciata dalla Confederazione nel 2022 per via del rischio di una carenza energetica, l’aumento dei prezzi dell’energia e le app per contatori intelligenti offrono un'opportunità, poiché la gente s’interessa sempre più a consumo energetico e misure di risparmio.

In ambito economico un ruolo di primissimo piano spetta al monitoraggio dei dati – che rivela dove si verifica il maggior consumo in azienda – e all’impiego di tecnologie e modelli innovativi. Particolarmente promettente è la cooperazione tra università e aziende elvetiche.

In Svizzera il maggior potenziale politico risiede nella riduzione degli ostacoli burocratici allo sviluppo delle energie rinnovabili e nell’efficace incentivazione di queste ultime tramite leggi, tasse d’incentivazione e sostegno finanziario.

Approfondisci

Strategia energetica 2050: Punti salienti della strategia energetica della Confederazione

Statistica globale svizzera dell’energia 2021: Fatti e cifre sul consumo energetico svizzero

Statistica svizzera degli edifici e delle abitazioni 2021: Cifre e tendenze relative agli impianti di riscaldamento in uso in Svizzera

Articolo su Energia

Foto: BKW / Daniel Hager
Energia

«La transizione energetica riguarda tutti»

Foto: Shutterstock
Energia

Verso una gestione intelligente delle emissioni di CO₂

https://unsplash.com/de/fotos/ein-paar-grosse-turme-die-nebeneinander-sitzen-10jM0O-HQwo
Energia

Si riapre la porta del nucleare «anche per proteggere il clima»