Logo image
Foto: Shutterstock

Foto: Shutterstock

Economia Contenuto partner: Swisscom

Verso una gestione intelligente delle emissioni di CO₂

La pressione sulle aziende svizzere è sempre più forte. Le nuove normative nell'UE e in Svizzera riguardano principalmente i fornitori: al di sopra di determinate dimensioni, devono rendere conto degli aspetti sociali e ambientali nella propria azienda e lungo le proprie catene di fornitura. Per quanto riguarda le emissioni di gas a effetto serra, sono richiesti Carbon-Accounting-Tools (strumenti di contabilità del carbonio) che consentano una raccolta dati ampiamente automatizzata. Un documento di prassi di Swisscom fornisce consigli utili.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Verso una gestione intelligente delle emissioni di CO₂

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

6 Min.  • 

Una nuova, ulteriore sfida attende molte aziende svizzere: il previsto adeguamento della direttiva UE sul reporting di sostenibilità, in vigore dal gennaio 2023, riguarda indirettamente anche la maggior parte delle aziende svizzere. In futuro, anche le aziende con 250 o più dipendenti saranno obbligate a riferire sui loro rischi di sostenibilità e sulle misure adottate, al di là dell'attuale legislazione svizzera (Diritto delle obbligazioni)). I relativi rapporti devono essere esaminati anche da un ufficio di revisione esterno.

Per migliorare sistematicamente il proprio bilancio dei gas a effetto serra, le aziende interessate richiederanno prima o poi anche a tutti i loro fornitori i dati chiave corrispondenti. Tanto più che, in media, oltre i due terzi dell'impronta di carbonio sono generati nelle catene di approvvigionamento. Ciò significa che praticamente tutte le aziende integrate in una rete di produzione svizzera o europea dovranno in futuro utilizzare un sistema di gestione del CO₂.

Come suggerito dal documento di prassi pubblicato da Swisscom e disponibile gratuitamente «Smart Carbon Accounting. Auf dem Weg zum effektiven CO₂-Management» (Smart Carbon Accounting. Verso una gestione efficace della CO2) il compito è ora quello di trovare l’appropriato strumento software per la misurazione, la registrazione e la rendicontazione delle emissioni di gas serra. E ciò che è "appropriato" dipende principalmente da tre fattori: a) il livello di maturità dell'azienda in termini di sostenibilità, b) gli obiettivi specifici che l'azienda si è prefissata di raggiungere entro una certa data e c) le dimensioni dell'azienda.

Molte aziende utilizzano una soluzione Excel come introduzione all'argomento e fintanto che devono essere compilati solo pochi dati rilevanti per la sostenibilità. Con l'aumento delle normative e la conseguente necessità di audit, uno strumento automatizzato si rivela rapidamente vantaggioso. Un tale strumento è praticamente indispensabile se un'azienda si pone obiettivi vincolanti che possono essere raggiunti solo riducendo sistematicamente la propria impronta ecologica.

Il livello più alto è costituito dai moduli di sostenibilità dei cosiddetti sistemi di Enterprise-Resource-Planning (Suite ERP). "Hanno senso soprattutto se la gestione del CO₂ deve essere unita a tutti gli altri temi ESG - Environmental, Social, Governance. Per questo motivo vengono utilizzati soprattutto dalle aziende più grandi che sono obbligate a redigere un rapporto sulla sostenibilità per motivi normativi", spiega Gina Obrecht, Business Developerin Data Driven Sustainability bei Swisscom Business Customers. Questa gestione della sostenibilità riguarda molte singole aree parziali, che possono essere riassunte in gruppi sovraordinati: requisiti di base come la lingua o la formazione, la gestione dei dati, il GHG Inventory Management, gli obiettivi ESG e la gestione dei KPI, la catena di approvvigionamento, il rischio e la regolamentazione, il Security & Lifecycle Management, la reportistica e l'analisi.

Il documento di prassi di Swisscom illustra i vantaggi e gli svantaggi associati ai vari strumenti software. Secondo il documento, l'uso di Excel è favorito dal know-how solitamente già disponibile e dalla rapida reperibilità all'interno dell'azienda. Tuttavia, non è un caso che Excel sia considerato uno strumento per “lupi solitari”: nella maggior parte dei casi, le conoscenze contenute nelle soluzioni sono difficili da comprendere per i non addetti ai lavori.

Gli strumenti specializzati "best-of-breed" e le soluzioni ERP più complesse con i propri moduli ESG, invece, consentono una raccolta dei dati ampiamente automatizzata che, secondo il documento di Swisscom, si rivela più vantaggiosa a ogni nuovo report. I vantaggi includono anche una guida intuitiva per l'utente e opzioni di visualizzazione complete. Soprattutto, però, possono essere coinvolti tutti gli stakeholder dell'azienda e anche i partner esterni della catena di fornitura, il che consente la massima trasparenza su tutti gli obiettivi, le misure e i progressi.

Esempio pratico: Swisscom. Qualche anno fa, l'azienda ha deciso di ampliare la base della propria gestione del CO₂ e di sostituire la soluzione Excel allora ancora in uso con uno strumento che garantisse la trasparenza e potesse essere utilizzato da tutti i gruppi di stakeholder coinvolti: il team di sostenibilità, il reparto IT, gli acquisti e la produzione. Durante il processo di selezione, non solo sono state valutate tutte le possibili soluzioni, ma si sono acquisite anche importanti esperienze nel processo di attuazione. Il fattore di successo più importante è stata la definizione precisa delle esigenze di tutti i gruppi di stakeholder e degli obiettivi da raggiungere con la soluzione. L'azienda vuole solo aggregare cifre approssimative? Ci si sta impegnando per migliorare sistematicamente l'impronta di carbonio? I progressi devono essere trasparenti per tutti i membri dell'azienda?

"In questa fase è fondamentale che tutti i gruppi di stakeholder siano coinvolti e che il progetto sia ampiamente radicato", sottolinea la Business Developer Gina Obrecht. Presso Swisscom, l'implementazione è stata deliberatamente affrontata in una struttura di team comune: esperti di IT e di sostenibilità con le loro competenze specifiche collaborano in un team misto. Un approccio graduale ha ulteriormente promosso la cooperazione e ridotto al minimo il rischio di scoprire gli errori troppo tardi. Inoltre, ha permesso di rendere visibili i primi risultati in una fase iniziale, il che, secondo i responsabili di Swisscom, ha dato al progetto un "ulteriore impulso".

Swisscom
play button

Sw

Gli 8 fattori di successo più importanti

  1. Definire chiaramente gli obiettivi: innanzitutto, un'azienda deve avere ben chiari gli obiettivi da raggiungere con la gestione delle emissioni di CO₂/ESG.
  2. Mantenere bassa la complessità: è consigliabile un pragmatismo 80/20, soprattutto quando si registra la catena di approvvigionamento. Nella maggior parte dei casi, gran parte dei dati dell’impronta proviene da un numero limitato di fornitori.
  3. Tutti intorno a un tavolo: tutti i gruppi di stakeholder dell'azienda devono essere coinvolti fin dalla fase iniziale. Gli obiettivi sviluppati congiuntamente devono essere fissati in modo trasparente per tutti.
  4. Pensare congiuntamente al futuro fin dall'inizio: se si vogliono ottenere miglioramenti sistematici in futuro, ad esempio, vale la pena di dotarsi fin dall'inizio di uno strumento adeguato che permetta di mappare e tracciare il percorso di riduzione e le relative misure.
  5. Sostenibilità e IT in un unico team di implementazione: la gestione del CO₂ supportata da dati non è possibile senza il reparto IT. Entrambi gli aspetti devono portare avanti il progetto di implementazione del software congiuntamente.
  6. Tempo di lavoro condiviso dal team misto: la collaborazione è molto più produttiva se i team misti lavorano nello stesso luogo un giorno alla settimana.
  7. Passo dopo passo verso l'obiettivo: un approccio agile e graduale riduce al minimo i rischi del progetto e migliora significativamente la qualità.
  8. Trasparenza in tutta l'azienda: le misure e i progressi devono essere comunicati in modo trasparente in tutta l'azienda. Questo crea fiducia e aumenta l'identificazione.
Alla carta pratica

Dichiarazione: Questo contenuto è stato creato dalla redazione di Sustainable Switzerland su incarico di Swisscom.

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Foto: SAP

«Sostenibile e profittevole non si contraddicono»

Il controprogetto all’iniziativa per imprese responsabili dà una spinta al Carbon Accounting
Cambiamento climatico

Il controprogetto all’iniziativa per imprese responsabili dà una spinta al Carbon Accounting

Implementare le misure di protezione e difesa del clima: come distinguersi dalla concorrenza!
Cambiamento climatico

Implementare le misure di protezione e difesa del clima: come distinguersi dalla concorrenza!

Articoli simili

Foto: UBS
Reporting

Sustainability Reporting in Svizzera: Le PMI riprendono slancio

Foto: Adobe Stock
Energia

Un aiuto alla navigazione per raggiungere la sostenibilità basata sui dati

I dati favoriscono la protezione del clima
Management

I dati favoriscono la protezione del clima