Logo image
https://unsplash.com/de/fotos/blauer-zug-jdMPM-oQz5E

Foto: Simon Tartarotti / Unsplash

Clima ed energia

Ma il treno notturno è ecologico oppure no?

L'ex capo delle FFS Benedikt Weibel ha criticato il Nightjet delle ÖBB, spiegando che i vantaggi per il clima sono minimi – Piccata la risposta delle Ferrovie austriache: «L'effetto benefico è chiaramente dimostrabile»

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Ma il treno notturno è ecologico oppure no?

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

4 Min.  •   • 

Treni notturni ed emissioni. Come la mettiamo? Viaggiare in maniera sostenibile, da anni oramai, è una necessità. Da una parte, il riscaldamento globale e, dall'altra, la conseguente spinta a ridurre la propria impronta carbonica. Di qui, secondo alcuni, la demonizzazione dell'aviazione commerciale. Per dire: in Svezia, nel 2018, era stato coniato un termine nel frattempo finito perfino sul dizionario. Flygskam, già. Letteralmente, la «vergogna di volare».

Il viaggio in treno, evidentemente, è considerato un'alternativa altrettanto sicura e, soprattutto, ecologica all'aereo. A maggior ragione per gli spostamenti a corto raggio. Le stesse compagnie, dove l'alta velocità su rotaia funziona, hanno sospeso le rotte. Anche perché, economicamente, non è conveniente. In taluni casi, come in Francia, è pure entrato in vigore un divieto ad hoc.

I treni notturni, a proposito di ferrovie, stanno vivendo una sorta di seconda giovinezza. I viaggi a lunga distanza, nello specifico, sono tornati a crescere dopo lo stop imposto dalla pandemia. Merito, in particolare, della rete Nightjet delle Ferrovie federali austriache, le ÖBB. Da un lato, sono stati ripristinati i principali collegamenti fra le città europee. Dall'altro, ne sono stati aggiunti di nuovi. Il risultato? Un trend decennale di decrescita, nel settore, è stato invertito. Lo dimostrano i nuovi treni, trentatré in totale, impiegati a partire da dicembre. Permettono, fra le altre cose, di prenotare cabine singole o doppie con doccia e toilette. Chi voleva maggiore privacy e silenzio, insomma, è stato accontentato. Anche le opzioni più economiche, mutuate dall'esperienza dei capsule hotel in Giappone, sembrano offrire un grado di comfort notevole.

Di più, Pro-Rail Alliance – associazione che raggruppa una ventina di organizzazioni non-profit e oltre 150 aziende attive nel ramo ferroviario – da tempo sottolinea che i treni notturni emettono, citiamo, «ben trenta volte meno CO2 rispetto a un viaggio in aereo sulla stessa tratta». Il dato, di per sé, è corretto. Anche se è stato contestato, fra gli altri, da Luca Bortolani, fra i fondatori di Twiliner, start-up zurighese che intende sfidare aerei e treni notturni collegando Zurigo alle maggiori città europee via bus (di lusso). «È un’opzione che non ritengo così ecologica, visto che questi convogli circolano con meno persone» ci aveva detto il dirigente.

Benedikt Weibel, già presidente e amministratore delegato delle Ferrovie federali svizzere, in un'intervista al Tages Anzeiger si è spinto oltre. Sostenendo che, in Svizzera, «non un solo franco di sovvenzione dovrebbe essere investito in un treno notturno». Weibel, a tal proposito, ha spiegato che i treni notturni, come l'ultimo Nightjet delle ÖBB, hanno più o meno le dimensioni di un aereo con 254 posti a sedere. Ancora Weibel: «Ma il treno notturno viaggia una volta durante la notte e poi resta fermo tutto il giorno, per tornare indietro la notte successiva». Tradotto: i vantaggi ambientali sarebbero minimi. Affinché i vantaggi, fronte emissioni, aumentino, occorrerebbe aumentare la capacità o, se preferite, il numero di cuccette, a detta dell'ex dirigente. Non solo, questi treni andrebbero convertiti in modo da poter essere utilizzati anche di giorno.

E proprio la circolazione di treni più lunghi nelle ore diurne, stando a Weibel, è la chiave per aiutare il clima. «Le FFS stanno valutando la possibilità di far circolare un treno diretto che colleghi Basilea a Londra in cinque ore. Questo treno ha 1.000 posti a sedere e può circolare quattro volte al giorno. Un'iniziativa del genere fa bene al clima e non richiede sovvenzioni».

Le ÖBB, per contro, hanno rispedito al mittente le critiche. Un treno diurno della stessa lunghezza del Nightjet, ha spiegato un portavoce delle Ferrovie austriache, «ha circa 420 posti a sedere e non 1.000 come si è detto. Stiamo anche facendo circolare il nuovo Nightjet in doppia corsa, ad esempio tra Norimberga e Amburgo: in questo caso, la capacità è doppia». Non finisce qui: «I treni notturni sono un'alternativa sostenibile ai voli a corto raggio. Spesso, sono l'unica alternativa. Soprattutto quando la distanza e l'infrastruttura esistente fanno sì che i viaggi richiedano molto tempo. I treni notturni hanno un effetto chiaramente dimostrabile sul clima».

Al di là delle singole posizioni, l'incidente diplomatico è servito. Difficilmente, in ogni caso, si svilupperà fra i viaggiatori una «vergogna di viaggiare su un treno notturno». E non soltanto perché è difficile immaginare una singola parola che riassuma un concetto così ampio.

Marcello Pelizzari, «Corriere del Ticino» (24.01.2024)

Qui, Sustainable Switzerland pubblica contenuti curati da Corriere del Ticino.

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Cittadini trasparenti per città sostenibili?
Economia circolare

Cittadini trasparenti per città sostenibili?

La controversia
Governance

Cittadini trasparenti per città sostenibili?

Sulla strada verso la mobilità sostenibile
Cambiamento climatico

Sulla strada verso la mobilità sostenibile

Articoli simili

https://unsplash.com/de/fotos/ein-lila-stuhl-sitzt-vor-einem-gebaude-PDg180uwHvQ
Cambiamento climatico

«Così Google educa sul clima»: successo mondiale per un'iniziativa svizzera

Foto: PD
Cambiamento climatico

Quando sarà possibile volare al mare senza cherosene?

Treno
Mobilità

«Così Google educa sul clima»: successo mondiale per un'iniziativa svizzera