Logo image
Il Dibattito
Clima ed energia

Gli sport invernali sono sostenibili?

Montagne da sogno, pendii innevati e un cielo blu brillante: lo sci e lo snowboard in un ambiente alpino da cartolina offrono puro divertimento invernale. Tuttavia, in tempi di cambiamenti climatici e di maggiore consapevolezza ambientale, crescono i dubbi sulla possibilità di scendere in pista con la coscienza pulita. Sostenibilità e sport invernali vanno d'accordo?

3

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Gli sport invernali sono sostenibili?

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

4 Min.  •   • 

L'attività sciistica ha un impatto negativo sulla natura ed è tutt'altro che sostenibile.

Lo sci mette a rischio i paesaggi naturali alpini. L'attività sportiva dello sci è responsabile di interventi sostanziali negli ecosistemi esistenti Per creare nuove piste e ampliare le stazioni sciistiche, le foreste vengono disboscate e i terreni livellati, il che a sua volta incrementa il rischio di frane e smottamenti dopo la stagione invernale. Lo spazio richiesto è immenso e non riguarda solo le piste. Infatti, anche la costruzione di strade, alberghi, funivie e parcheggi comporta la perdita di habitat preziosi per la flora e la fauna autoctona.

I cannoni da neve consumano enormi quantità d'acqua. Gli sport invernali stanno diventando sempre più problematici a seguito del progressivo surriscaldamento del pianeta. Nelle Alpi, la temperatura media è aumentata di due gradi negli ultimi cento anni, il doppio rispetto alla media globale. Senza cannoni da neve, in molte località non funziona nulla. Però gli impianti di innevamento richiedono una quantità smisurata d'acqua. Per coprire la domanda, è necessario creare speciali bacini idrici a portata di pista. Si stima che l'innevamento artificiale utilizzi ogni anno circa un milione di litri d'acqua per ettaro. Nelle Alpi, alcuni fiumi trasportano già fino al 70% di acqua in meno rispetto a prima dell'introduzione dei cannoni da neve, come sottolinea l'organizzazione ambientalista WWF.

I sistemi di innevamento e gli impianti di risalita divorano l'energia. L'innevamento di chilometri di piste consuma enormi quantità di energia, così come il funzionamento degli impianti di risalita. Gli esperti hanno calcolato che un solo ettaro di neve artificiale richiede circa 20.000 kilowattora di energia. In tutto l'arco alpino, il totale è di 600 gigawattora, che corrispondono al consumo annuale di elettricità di circa 130.000 famiglie di quattro persone. Il consumo energetico può quindi causare un'enorme impronta ecologica, soprattutto se l'energia utilizzata non proviene da fonti rinnovabili, quali l'eolica o l'idroelettrica.

I viaggi verso le località sciistiche hanno un impatto negativo sul clima. L'afflusso invernale alle stazioni sciistiche determina spesso un aumento del traffico e, di conseguenza, notevoli emissioni di gas serra, peggiorando significativamente l'impronta climatica dei comprensori sciistici. Secondo alcuni studi, circa l'85% delle emissioni di CO₂ nel turismo invernale è attribuibile al viaggio in auto da e verso la destinazione.

Sebbene lo sci sia ecologicamente molto discutibile, può essere organizzato in maniera sostenibile.

Il turismo sciistico è un importante fattore economico. I ricercatori del turismo affermano che anche rinunciare allo sci non è una soluzione. Sciare è divertente, salutare e un ottimo modo per vivere insieme la natura e il paesaggio invernale. Ma anche dal punto di vista della sostenibilità, esistono buone ragioni a favore degli sport invernali. In fondo, nonostante tutti i loro svantaggi ecologici, hanno una componente sociale: sono un'importante fonte di reddito per molte destinazioni alpine, molto più del turismo del benessere o dell'escursionismo. E creano posti di lavoro in regioni un tempo strutturalmente deboli.

I comprensori sciistici si impegnano per l'ambiente. Alcune stazioni di sport invernali, alberghi e funivie hanno riconosciuto i segnali del tempo e hanno iniziato a introdurre concetti più sostenibili e a ridurre gli effetti negativi del turismo invernale. Sostenendo iniziative ecologiche e programmi di conservazione della natura, contribuiscono a rendere maggiormente sostenibili le attività sciistiche e a preservare i delicati habitat alpini.

Si sta investendo in impianti ad elevata efficienza energetica. Molte regioni sciistiche stanno inoltre adottando misure concrete per ridurre il consumo energetico e idrico, ad esempio investendo consapevolmente in infrastrutture ecocompatibili, come impianti di risalita o edifici ad elevata efficienza energetica. Inoltre, realizzano sistemi per evitare rifiuti e promuovono il riciclo.

Rispettiamo le regole per una vacanza sostenibile sulla neve. Anche se non esiste uno sci veramente ecologico: chi non vuole rinunciare a questa attività ricreativa può comunque contribuire a ridurre gli effetti negativi degli sport invernali. Ad esempio, può selezionare le stazioni sciistiche che si sono impegnate a favore di un turismo rispettoso dell'ambiente. Queste destinazioni, ad esempio, non dispongono di piste battute artificialmente, offrono buoni collegamenti con i trasporti pubblici, utilizzano energie rinnovabili e consentono solo a un certo numero di sciatori di accedere alla montagna, al fine di evitare il sovraffollamento delle piste.

Questo articolo copre i seguenti SDG

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) sono 17 obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile concordati dagli Stati membri dell'ONU nell'Agenda 2030 e riguardano temi quali la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, la salute, l'istruzione, l'uguaglianza di genere, l'acqua pulita, l'energia rinnovabile, la crescita economica sostenibile, le infrastrutture, la protezione del clima e la tutela degli oceani e della biodiversità.

13 - Lotta contro il cambiamento climatico
15 - Vita sulla Terra

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

Svizzera
Cambiamento climatico

Cambiamento climatico, ecco l'inquietante Svizzera del 2085

https://unsplash.com/de/fotos/schneebedeckter-berg-wahrend-der-goldenen-stunde-ePB2oGU8mb4
Cambiamento climatico

L'industria del turismo invernale minacciata dal cambiamento climatico

https://pixabay.com/photos/skiers-snow-winter-cold-mountain-3304525/
Cambiamento climatico

L’ultimo turista sugli sci? «Arriverà nell’inverno 2040»

Articoli simili

Meno impronte sulla neve: sport invernali sostenibili
Biodiversità

Meno impronte sulla neve: sport invernali sostenibili

La transition énergétique a-t-elle la priorité sur la protection de la nature ?
Energia

Svolta energetica prima di tutela ambientale?

Oggi è ancora permesso costruire con il calcestruzzo?
Costruzioni e abitazioni

Oggi è ancora permesso costruire con il calcestruzzo?