Logo image
Economia rigenerativa: il concetto di «zero netto» è sufficiente?

Foto: Scott Rodgerson

Economia

Economia rigenerativa: il concetto di «zero netto» è sufficiente?

Sono sufficienti gli obiettivi di zero netto o abbiamo bisogno di soluzioni non solo sostenibili, ma soprattutto rigenerative? Il concetto di «economia rigenerativa» solleva alcune domande. Così come i criteri di cui le aziende tengono conto per il loro modello di business.

0

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare
Logo image

Economia rigenerativa: il concetto di «zero netto» è sufficiente?

Condividi
Copiare il link LinkedIn
Ascoltare

5 Min.  •   • 

Il modello economico dominante degli ultimi decenni è stato plasmato da un leitmotiv centrale: la ricerca della crescita. La società ha compiuto notevoli progressi in tutti i settori della vita, dall'economia alle comunicazioni e ai trasporti. Ma la ricerca della crescita economica sta raggiungendo i suoi limiti. Consumiamo più di quanto il nostro pianeta possa sopportare. Di conseguenza, ci troviamo ad affrontare molteplici crisi, tra cui la scarsità di risorse, la perdita di biodiversità, le disuguaglianze sociali e il cambiamento climatico.

Il paradosso della crescita economica

La ricerca della crescita spinge il pianeta ai suoi limiti e oltre, in tutti i settori della vita. La domanda sorge spontanea: un sistema economico orientato alla crescita finisce per ostacolarla? La scarsità delle risorse sta cambiando le esigenze degli stakeholder e la crisi climatica minaccia i valori materiali. Le aziende devono adattarsi a questa evoluzione e introdurre pratiche sostenibili per proiettarsi verso il futuro. Il concetto di economia rigenerativa sta rivoluzionando l'azione imprenditoriale per fornire soluzioni a favore di una società sostenibile.

Una nuova definizione di sostenibilità

In passato, molto è già stato fatto nel campo della sostenibilità aziendale: esistono innumerevoli prodotti e servizi sostenibili e sempre più aziende stilano rapporti di sostenibilità. Tuttavia, non si può ancora parlare di equilibrio tra le attività aziendali e lo stato dell'ambiente e del clima. Numerose aziende si concentrano sull'adattamento del loro modello di business per creare «meno danni» al pianeta. Focalizzarsi esclusivamente sulle strategie di CSR, come ridurre le emissioni di CO2, non è tuttavia sufficiente ad apportare miglioramenti decisivi alle condizioni del pianeta. È dunque giunto il momento di ripensare radicalmente la nostra concezione della sostenibilità?

Sostenibilità o «sustainability» deriva dal termine inglese «sustain», che significa «tenere il passo». Il concetto di economia rigenerativa va invece oltre: in un sistema economico che deve imparare a gestire la scarsità di risorse, il semplice mantenimento dello status quo è insufficiente. L'economia rigenerativa non mira solo a preservare, ma anche a restituire. Il suo obiettivo è avere un impatto positivo sull'ambiente, sulla società e sull'economia.

Net-Zero

Fonte: Getty Images

Nello spirito dell’economia rigenerativa, un prodotto non avvantaggia solo i clienti alla fine della catena del valore.

Il principio dell'economia rigenerativa

Il World Economic Forum definisce l'economia rigenerativa come «un pensiero sistemico per proteggere, ripristinare e ricostituire sia il capitale umano che le risorse naturali». Le aziende che si basano su un modello di business rigenerativo sono guidate da alcuni semplici principi:

  • dare più di quanto si prenda.
  • sforzarsi di creare valore o impatto positivo piuttosto che ridurre l'impatto negativo. Questo valore può essere definito in modo diverso e riferirsi, ad esempio, al ripristino della biodiversità, alla rimozione di CO2 dall'atmosfera o alla riduzione degli inquinanti. Tiene conto anche dei fattori sociali e del valore aggiunto per stakeholder, fornitori e lavoratori.
  • adottare un approccio olistico: l'economia rigenerativa non tiene conto unicamente degli obiettivi economici, ma anche di quelli ecologici e sociali.
  • concentrarsi sul sistema in cui si opera considerando la sua globalità (ambiente, società, stakeholder ecc.) e non solo gli impatti diretti che si provocano.

Cambiamento di paradigma con opportunità

La sfida di stabilire un nuovo modo di definire l'azione economica è enorme. Ma offre anche opportunità. Mentre in passato gli aspetti ESG erano visti quasi come un ostacolo al successo della crescita economica, oggi sono considerati un motore. I vantaggi dei modelli aziendali sostenibili e rigenerativi vanno dalla riduzione dei costi e dall'aumento dei ricavi all'acquisizione di nuovi talenti. Le soluzioni rigenerative che restituiscono qualcosa a società e ambiente possono anche generare innovazioni creative.

In ultima analisi, tuttavia, il fattore determinante a favore dell'economia rigenerativa è la gestione del rischio. Le aziende dipendono inevitabilmente da catene di fornitura globali, che se interrotte da disastri climatici, disagi sociali, perdita di biodiversità o altre crisi comportano un rischio economico di fondo. Le imprese non possono essere a prova di futuro solo attraverso una crescita economica che si basa sullo sfruttamento del pianeta.

Come possono le aziende sfruttare opportunità in questo difficile contesto?

Modelli aziendali rigenerativi nella pratica

In sede di attuazione di soluzioni rigenerative, le semplici domande che imprenditori e responsabili della sostenibilità possono porsi aiutano a inquadrare il problema:

  • quale valore creiamo per il nostro ambiente (società, clima, ambiente, lavoratori, stakeholder ecc.)?
  • dove e come creiamo questo valore?
  • come possiamo contribuire a migliorare il nostro pianeta?
  • come possiamo contribuire attivamente a ripristinare il pianeta?
  • quale valore aggiunto stiamo creando per le generazioni attuali e future?
  • a chi o a cosa la nostra azienda deve apportare benefici?

Innanzitutto, l'intera catena del valore va considerata dall'inizio alla fine. Dove i prodotti e i servizi creano valore aggiunto? Chi ne beneficia? Nello spirito dell'economia rigenerativa, un prodotto non apporta benefici unicamente ai clienti alla fine della catena del valore. Anche i lavoratori, i fornitori, i produttori e gli altri stakeholder devono essere presi in considerazione. L'economia rigenerativa sta ampliando i confini del modello di business.

Alcune aziende stanno già applicandone gli approcci. Il motore di ricerca Ecosia, il cui modello di business è interamente finalizzato alla rigenerazione, ne è un esempio lampante. L'azienda utilizza le proprie entrate (ad esempio, le pubblicità) per finanziare progetti di riforestazione. Accanto ad altri grandi imprese come Patagonia, Einhorn and Co. figurano anche piccole e medie realtà come il produttore di scarpe Wildling, che già nel suo slogan promuove l'economia rigenerativa. Wildling si interroga su ogni anello della catena di approvvigionamento e cerca alternative sostenibili per il cotone. L'azienda incoraggia l'uso della canapa come alternativa di tessuto sostenibile e sta cercando di diffonderla sul mercato europeo insieme ad altri partner. Invece di un modello dall'alto verso il basso, Wildling cerca di coinvolgere tutti gli stakeholder della catena di fornitura per lavorare insieme alle soluzioni e creare trasparenza.

Questo articolo è pubblicato su

Pubblicità

Articoli popolari

Articoli consigliati per voi

BCP Perspectives
Cambiamento climatico

Perché le aziende dovrebbero investire ora nella sostenibilità

Foto: SSF
Governance

Governance: il prerequisito per una maggiore sostenibilità

Foto: UBS
Cambiamento climatico

Dall’economia di produzione a quella d’impatto

Articoli simili

La sostenibilità sul posto di lavoro: Che dire?
Governance

La sostenibilità sul posto di lavoro: Che dire?

Foto: UBS
Uguaglianza

Female Impact per un futuro sostenibile

Creatori di sostenibilità dalla Svizzera
Governance

Creatori di sostenibilità dalla Svizzera